In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 21/11/2014

Delibera N. 515 del 21.02.2000
Edilizia abitativa agevolata - Approvazione della convenzione tipo per l'affidamento del servizio di gestione del fondo di rotazione per l'edilizia abitativa agevolata di cui all'articolo 52 della legge provinciale 17 dicembre 1998, n. 13 - Sostituzione della convenzione tipo approvata con deliberazione della Giunta provinciale 6.12.1999, n. 5482

....omissis....

1. è approvata la convenzione tipo per l'affidamento del servizio di gestione del fondo di rotazione per l'edilizia abitativa agevolata di cui all'articolo 52 della legge provinciale 17 dicembre 1998, n. 13, che costituisce parte integrante della presente delibera.
 
2. la convenzione tipo allegata alla presente delibera sostituisce la convenzione tipo allegata alla deliberazione della Giunta provinciale 6.12.1999, n. 5482, che pertanto è revocata.
 
3. l'Assessore all'edilizia abitativa è autorizzato alla stipula della presente convenzione con gli istituti di credito interessati, che adempiano ai requisiti indicati nella deliberazione della Giunta provinciale 6.12.1999, n. 5482, o con enti di rappresentanza degli stessi.
 
Allegato

CONVENZIONE TIPO CONCERNENTE LA GESTIONE DEL FONDO DI ROTAZIONE DI CUI ALL'ARTICOLO 52 DELLA LEGGE PROVINCIALE 17.12.1998, N. 13

 

ART. 1

OGGETTO DELLA CONVENZIONE

1. La presente convenzione ha ad oggetto la gestione del fondo di rotazione per l'edilizia abitativa agevolata di cui all'articolo 52 della legge provinciale 17 dicembre 1998, n. 13, e successive modifiche ed integrazioni, di seguito denominata "legge”, per la concessione di:

a)     mutui senza interessi di cui all'articolo 2, comma 1, lettere E1) ed F1) della legge, concessi ai sensi dell'articolo 8 della legge dall'1 gennaio 2000;

b)     mutui senza interessi di cui alla lettera a) concessi prima dell'1 gennaio 2000 e non ancora stipulati all'1 gennaio 2000;

c)     mutui senza interessi concessi in base alla legge 20 agosto 1972, n. 15, e non ancora stipulati all'1 gennaio 2000;

d)     mutui senza interessi di cui alle lettere b) e c) stipulati prima dell'1 gennaio 2000 e per cui all'1 gennaio 2000 non sia stato ancora stipulato l'atto di identificazione.

2. Nel caso in cui alla convenzione tipo di cui all'articolo 52, comma 4 della legge aderiscano più istituti di credito o enti di rappresentanza legittimati, l'istituto di credito o ente di rappresentanza firmatario della presente convenzione, assume il servizio di gestione limitatamente ai mutui concessi a richiedenti che, nella domanda di agevolazione o con atto separato, hanno dichiarato di volere con esso stipulare il contratto di mutuo o, nel caso di cui al comma 1, lettera d), l'atto di identificazione.
3. L'istituto di credito o ente di rappresentanza firmatario della presente convenzione è di seguito denominato "istituto”.
4. All'istituto è fatto divieto di cedere a terzi la gestione del servizio.
 

ART. 2

OBBLIGHI DELL'ISTITUTO

1. L'istituto provvede in particolare:

a)     all'istruttoria legale consistente nell'accertare la sussistenza in capo al beneficiario del diritto di proprietà e della disponibilità degli immobili sui quali dovrà essere intavolata l'ipoteca a garanzia del mutuo della Provincia, nonché ad accertare che gli immobili sui quali dovrà essere intavolata l'ipoteca siano assicurati contro gli incendi con vincolo a favore della Provincia;

b)     alla stipulazione per conto e in nome della Provincia dei contratti di mutuo ipotecario, alla relativa intavolazione del diritto di ipoteca e all'annotazione del vincolo sociale, qualora non già precedentemente annotato;

c)     alla liquidazione delle somme mutuate secondo le modalità previste dalla legge e dal D.P.G.P. 15 luglio 1999, n. 42, di seguito denominato "regolamento”;

d)     al versamento alla Provincia sul fondo di rotazione presso il Tesoriere provinciale delle rate di ammortamento, degli interessi eventualmente dovuti e di ogni altra somma spettante a qualsiasi titolo alla Provincia;

e)     alla riscossione con procedura coattiva e ai conseguenti adempimenti in caso di morosità o insolvenza del mutuatario;

f)     ad offrire mutui edilizi secondo le forme di risparmio edilizio disciplinate dagli articoli 9 e 10;

g)     alla tenuta della contabilità e dei registri occorrenti per il regolare svolgimento del servizio;

h)     a fornire alla Provincia i dati e i rendiconti secondo quanto previsto dalla presente convenzione, nonché ogni altra notizia o chiarimento ritenuti necessari;

i)     alla cancellazione del diritto di ipoteca e del vincolo sociale su richiesta del mutuatario.

 

ART. 3

STIPULAZIONE DEL CONTRATTO DI MUTUO, INTAVOLAZIONE DELL'IPOTECA E ANNOTAZIONE DEL VINCOLO

1. Dopo l'approvazione della domanda di agevolazione edilizia l'ufficio promozione dell'edilizia agevolata trasmetterà all'istituto la richiesta di istruttoria e di stipulazione del mutuo.
2. La richiesta di cui al comma 1 è corredata da:

a)     i dati personali relativi al beneficiario;

b)     l'importo e la durata del mutuo;

c)     i dati relativi all'immobile per cui è stata concessa l'agevolazione e sul quale dovrà essere intavolata l'ipoteca a garanzia del mutuo e annotato il vincolo sociale;

d)     la documentazione tecnica prescritta dal regolamento.

3. L'istituto, ricevuta la documentazione di cui al comma precedente, invita il beneficiario a presentare la documentazione necessaria per la stipulazione del contratto di mutuo.
4. Il contratto di mutuo può essere stipulato immediatamente dopo l'approvazione della domanda di agevolazione edilizia. Ad avvenuta stipulazione del contratto di mutuo l'istituto ne dà immediata comunica-zione all'ufficio programmazione dell'edilizia agevolata.
5. Verificatesi le condizioni per poter procedere all'intavolazione del diritto di ipoteca e all'annotazione del vincolo sociale sull'immobile agevolato l'istituto curerà l'intavolazione del diritto di ipoteca e l'annotazione del vincolo sociale a favore della Provincia, sempre che il vincolo non sia già stato precedentemente annotato.
6. Il diritto di ipoteca deve essere intavolato in primo grado su tutti gli immobili cui si riferisce il contratto di mutuo e deve coprire il capitale mutuato ed un importo per accessori pari al 30 per cento del capitale mutuato.
7. Previa autorizzazione del competente direttore di ripartizione il diritto di ipoteca a garanzia del mutuo provinciale può essere intavolato anche con grado posteriore al primo, a condizione che l'importo dell'ipoteca a garanzia del mutuo provinciale sommato a quello delle ipoteche che la precedono in ordine di grado non sia superiore al valore convenzionale dell'immobile agevolato, come definito dall'articolo 7 della legge.
8. Nel contratto di mutuo ipotecario deve essere fatto obbligo al mutuatario di assicurare e tenere assicurato contro gli incendi con vincolo a favore della Provincia l'immobile agevolato per un importo non inferiore al capitale mutuato aumentato del 10 per cento.
9. Prima di procedere all'erogazione del mutuo l'istituto deve accertare l'avvenuta assicurazione di cui al comma precedente; nel contratto di mutuo deve essere altresì previsto che il contratto di mutuo sarà risolto di diritto qualora la predetta assicurazione venga a cessare per mancato rinnovo o per qualsiasi altra causa.
10. Avvenuta l'intavolazione del diritto di ipoteca e annotato il vincolo sociale l'istituto invierà all'ufficio tecnico dell'edilizia agevolata una copia semplice del contratto di mutuo ipotecario, corredata dei relativi allegati, il decreto tavolare relativo all'intavolazione dell'ipoteca e all'annotazione del vincolo sociale e un estratto tavolare aggiornato relativo all'immobile agevolato.
11. Qualora non sia possibile ottenere in breve tempo un estratto tavolare aggiornato, l'istituto trasmetterà i decreti tavolari di cui al comma precedente e un estratto tavolare dal quale risulti la pendenza delle relative domande tavolari.
 

ART. 4

DURATA E AMMORTAMENTO DEL MUTUO

1. La durata del mutuo è di 15 o di 20 anni, secondo quanto previsto dalla legge e dal regolamento.
2. Il relativo piano di ammortamento del mutuo è predisposto dall'istituto e comunicato al mutuatario e all'ufficio programmazione dell'edilizia abitativa agevolata contestualmente all'atto di liquidazione del mutuo e quietanza.
3. La proroga della durata del mutuo da 15 a 20 anni, autorizzata dalla Provincia nei casi previsti dall'articolo 53, comma 3, della legge, è comunicata all'istituto, il quale predispone un nuovo piano di ammortamento secondo le indicazioni contenute nel provvedimento di autorizzazione, e lo comunica al mutuatario e all'ufficio programmazione dell'edilizia abitativa agevolata.
4. In caso di erogazione ordinaria i mutui entreranno in ammortamento l'1 gennaio o l'1 luglio successivi all'erogazione del mutuo e saranno restituiti in rate semestrali con scadenza della prima rata il 30 giugno o il 31 dicembre successivi all'inizio del periodo di ammortamento.
5. In caso di erogazione anticipata il mutuo entrerà comunque in ammortamento l'1 gennaio o l'1 luglio antecedente il compimento del secondo anno dalla data di erogazione.
6. Qualora l'erogazione ordinaria del mutuo sia effettuata prima dell'inizio dell'ammortamento in base al comma precedente, il mutuo entrerà in ammortamento l'1 gennaio o l'1 luglio successivi all'erogazione ordinaria del mutuo.
 

ART. 5

EROGAZIONE DEL MUTUO

1. L'erogazione del mutuo dal fondo di rotazione può essere anticipata o ordinaria.
2. Per erogazione ordinaria si intende quella di cui all'articolo 19, comma 1, comma 3, 1. periodo, comma 4, 1. periodo e comma 5, 1. periodo del regolamento. Per erogazione anticipata si intende quella di cui all'articolo 19, comma 2, comma 3, 3. periodo, comma 4, 3. periodo e comma 5, 4. periodo del regolamento.
3. La Provincia, accertata la sussistenza dei presupposti per procedere all'erogazione ordinaria o anticipata del mutuo ne da comunicazione all'istituto e mette a disposizione dello stesso su un conto appositamente aperto le somme da versare ai beneficiari.
4. Le somme di cui al comma precedente verranno bonificate all'istituto e accreditate da quest'ultimo con valuta compensata su un apposito conto di transito intestato alla Provincia; tale conto di transito sarà da intendersi fruttifero di interessi nella stessa misura e capitalizzazione stabilite per le giacenze di tesoreria della Provincia Autonoma di Bolzano.
5. L'istituto si obbliga a liquidare gli importi ai beneficiari nel più breve tempo possibile e a riconoscere e a far riconoscere dagli altri istituti di credito ai beneficiari l'accredito con valuta di quattro giorni successiva a quello dell'operazione di pagamento. L'addebito sul conto di transito è con valuta del giorno dell'operazione.
6. Decorsi dieci giorni dalla data di accredito sul conto di transito senza che sia stato possibile dare corso all'erogazione, l'istituto provvederà a riaccreditare gli importi sul sottoconto di tesoreria come previsto dall'articolo 6.
 

ART. 6

RESTITUZIONE DEL MUTUO

1. L'istituto accrediterà con valuta del terzo giorno lavorativo successivo all'operazione di incasso tutti i pagamenti effettuati dai mutuatari per l'ammortamento dei mutui in essere, per rimborso anticipato e per quant'altro dovuto sul conto di transito di cui all'articolo 5, commi 3 e 4.
2. Con periodicità almeno mensile l'istituto riverserà, con valuta compensata alla Provincia, sul sottoconto di tesoreria del fondo di rotazione, gli importi accumulati su detto conto di transito.
3. Nei casi di rinuncia, revoca, annullamento dell'agevolazione o altro provvedimento che comunque comporti la restituzione anticipata del mutuo, l'istituto provvederà al calcolo dell'importo da restituire, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e della presente convenzione, dandone comunicazione all'ufficio programmazione dell'edilizia agevolata.
4. In caso di insolvenza o morosità del mutuatario l'istituto curerà per conto della Provincia il recupero anche coattivo delle somme dovute, adottando nei confronti del mutuatario i provvedimenti coattivi che riterrà più efficaci a tutelare gli interessi della Provincia.
5. Nel contratto di mutuo saranno previste, sotto forma di clausola risolutiva espressa, le circostanze che legittimano l'istituto ad esigere l'immediata restituzione dell'intera somma mutuata; al verificarsi di una di dette circostanze l'istituto ne darà immediatamente comunicazione alla Provincia.
6. In caso di ritardo nel pagamento delle somme dovute l'istituto esigerà il pagamento di interessi moratori nella misura del tasso riconosciuto dal tesoriere sulle giacenze della Provincia aumentato di due punti.
7. Avvenuta la restituzione delle somme dovute a titolo di mutuo e di quelle che comunque sono garantite dal diritto di ipoteca intavolato, nonché eventualmente delle somme dovute per la cancellazione del vincolo sociale, l'istituto provvede, su richiesta dell'interessato e previa autorizzazione del competente direttore di ripartizione, alla cancellazione tavolare del diritto di ipoteca e del vincolo sociale.
 

ART. 7

RENDICONTAZIONE

1. Alla fine di ogni mese l'istituto trasmetterà all'ufficio programmazione dell'edilizia agevolata l'estratto conto delle operazioni eseguite, allegandovi copia dei documenti giustificativi.
2. Entro il 28 febbraio di ogni anno l'istituto trasmetterà all'ufficio programmazione dell'edilizia agevolata il rendiconto della gestione del fondo di rotazione dell'anno precedente con indicazione dei seguenti prospetti ed elenchi:

a) versamenti effettuati dalla Provincia sul conto di transito;

b) erogazioni corrisposte ai beneficiari dei mutui;

c) conto scalare e riepilogo con evidenza del calcolo interessi;

d) elenco delle rate di ammorta-mento maturate con indicazione delle date di incasso;

e) indicazione delle estinzioni anticipate, delle revoche e degli interessi di mora;

f) compenso spettante con indicazione dell'importo residuo dei mutui al 31.12.

3. Il competente direttore d'ufficio rilascia all'istituto in caso di riscontro positivo relativa nota di scarico.
 

ART. 8

RAPPORTO DI MANDATO

1. Agli effetti della stipulazione ed esecuzione del contratto di mutuo e dei relativi atti dipendenti, nonché agli effetti delle eventuali procedure giudiziali di recupero che si rendessero necessarie nel caso di morosità o insolvenza del mutuatario nella restituzione delle somme dovute in dipendenza del contratto di mutuo o di provvedimenti amministrativi attinenti alla concessione dell'agevolazione edilizia, l'istituto agirà come mandatario della Provincia autonoma di Bolzano, in nome e per conto della medesima.
 

ART. 9

RISPARMIO EDILIZIO

1. L'istituto si obbliga ad offrire agli interessati programmi di risparmio edilizio secondo le modalità previste dai commi seguenti.
2. Il programma di risparmio edilizio prevede una fase di risparmio della durata minima di cinque e massima di quindici anni a decorrere dal primo versamento. L'importo da destinare al programma di risparmio edilizio viene versato su un apposito conto vincolato intestato all'interessato. L'importo annuo viene concordato tra l'interessato e l'istituto nella misura minima di cinque e massima di trenta milioni di lire. I versamenti vengono effettuati in rate costanti mensili o trimestrali. Dall'importo originariamente concordato sono ammesse successive variazioni nella misura massima del 25 per cento. Il mancato rispetto di tale misura comporta la decadenza dal programma di risparmio edilizio. L'accredito degli importi versati avviene con valuta del giorno del versamento. Il conto vincolato è esente da spese.
3. L'interessato può cedere il programma di risparmio edilizio al coniuge o ad un parente entro il 2. grado.
4. L'interessato può recedere in qualsiasi momento dal programma di risparmio edilizio. In tal caso ne dà comunicazione all'istituto con lettera raccomandata con avviso di ricevimento con il rispetto di un periodo di preavviso di almeno 30 giorni. Ad avvenuto recesso l'istituto corrisponde all'interessato gli importi maturati a titolo di capitale e interessi. L'istituto può anche prevedere il pagamento all'interessato di un importo aggiuntivo in unica soluzione. In seguito al recesso l'interessato decade dal diritto di ottenere il mutuo edilizio di cui ai commi 6  e seguenti.
5. In caso di decesso dell'interessato il programma di risparmio edilizio può essere proseguito da uno degli eredi che fosse coniuge o parente entro il 2. grado dell'interessato.
6. L'interessato può comunicare all'istituto, decorso il periodo minimo di durata del programma di risparmio edilizio, di considerare conclusa la fase di risparmio. La fase di risparmio si considera comunque conclusa con il decorso di quindici anni dal suo inizio. La stipulazione del mutuo edilizio deve essere richiesta a pena di decadenza entro 12 mesi dalla conclusione della fase di risparmio e il mutuo deve essere stipulato a pena di decadenza entro i tre mesi successivi.
7. L'importo del mutuo edilizio corrisponde al doppio del capitale versato e degli interessi maturati durante la fase di risparmio, salvo che l'interessato richieda un mutuo inferiore. Il mutuo edilizio ha una durata minima di dieci anni ed entra in ammortamento ad avvenuta liquidazione dello stesso. Il mutuo edilizio viene restituito in rate semestrali costanti comprensive di capitale ed interessi. Su richiesta dell'interessato può essere previsto un periodo di preammortamento di durata non superiore ad un anno. Il periodo di preammortamento è considerato agli effetti della durata minima del mutuo.
8. Il tasso di interesse annuo effettivo globale del mutuo edilizio non può essere superiore al tasso annuo medio lordo applicato sulle somme versate sul conto vincolato durante la fase di risparmio, aumentato di 2,5 punti percentuali e di ulteriori 0,05 punti percentuali quanti sono i trimestri mancanti al raggiungimento di dieci anni di fase di risparmio. A tal fine periodi di risparmio di durata inferiore ad un trimestre non sono considerati.
9. L'interessato può rimborsare anticipatamente il mutuo edilizio in qualsiasi momento senza obbligo di corrispondere penali per la restituzione anticipata.
10. A garanzia del mutuo edilizio viene intavolato un diritto di ipoteca a favore dell'istituto. Qualora il mutuatario sia altresì beneficiario del mutuo senza interessi di cui alla presente convenzione resta fermo il diritto della Provincia autonoma di Bolzano all'intavolazione di ipoteca di 1. grado a carico dell'immobile agevolato, salvo l'articolo 3, comma 8. In ogni caso devono essere osservati gli importi massimi di mutuo e ipoteca di cui all'articolo 62, comma 5, della legge.
11. Nel contratto di mutuo edilizio deve essere espressamente convenuto che il mutuo è destinato all'acquisto, costruzione o recupero di un'abitazione a scopo abitativo primario.
 

ART. 10

ULTERIORI FORME DI RISPARMIO EDILIZIO

1. Al posto del programma di risparmio edilizio descritto all'articolo 9 l'istituto può offrire anche forme alternative di risparmio edilizio, come ad esempio piani di accumulo capitale.
2. I programmi di risparmio sono amministrati in conformità alle direttive dell'autorità di vigilanza sulla borsa CONSOB, hanno durata illimitata e prevedono versamenti mensili o trimestrali e a discrezione del risparmiatore anche versamenti straordinari effettuabili in ogni momento.
3. L'istituto si obbliga ad offrire al risparmiatore edilizio al termine della fase di risparmio un mutuo edilizio per l'acquisto, la costruzione o il recupero di un'abitazione destinata al fabbisogno abitativo proprio con una durata massima di 20 anni, comprensiva dell'eventuale periodo di preammortamento, pari al doppio dell'importo risparmiato con il programma di investimento.
4. A richiesta del mutuatario può essere preso a mutuo anche un importo inferiore.
5. La concessione avviene nel rispetto delle disposizioni della legge bancaria e delle direttive dell'autorità di vigilanza sulle banche nonché a condizione che appaia sussistere la capacità di restituzione. Inoltre in caso di concessione di un'agevolazione edilizia da parte dell'amministrazione provinciale devono essere rispettati i limiti di cui all'articolo 62, comma 5, della legge.
6. Il tasso di interesse del mutuo può essere variabile o fisso. Il tasso di interesse variabile è legato al tasso di interesse interbancario Euribor e corrisponde al tasso di interesse Euribor – 6 mesi in vigore al momento della stipula del contratto di mutuo, arrotondato al quarto di punto superiore, più un aumento negoziabile di al massimo 2 punti. L'adeguamento degli interessi avviene due volte all'anno l'1 gennaio o l'1 luglio su base Euribor 6 mesi con valuta del relativo primo giorno lavorativo del semestre. Il tasso di interesse fisso è legato al tasso di interesse interbancario Interest Rates Swaps (IRS) e corrisponde al tasso di interesse Interest Rates Swaps (IRS) in vigore al momento della stipula del contratto di mutuo, arrotondato al quarto di punto superiore, più un aumento negoziabile di al massimo 1 punto.
7. I commi 3, 5, 9, 10 e 11 dell'articolo 9 trovano applicazione anche per il risparmio edilizio per mezzo di programmi di investimento.

ART. 11

COMPENSO DEL SERVIZIO

1. A titolo di compenso per le sue prestazioni è riconosciuta all'istituto una provvigione annua pari allo 0,20 per cento dell'importo residuo dei mutui in essere al 31 dicembre di ogni anno, il cui ammontare, maggiorato delle imposte eventualmente dovute, sarà trattenuto sulle somme da versare periodicamente alla Provincia.
 

ART. 12

SPESE

1. Le spese vive di stipulazione dei contratti di mutuo e dipendenti, nonché le spese per eventuali procedure di recupero ed esecutive sono a carico dei mutuatari.
2. Qualora spese e imposte siano anticipate dall'istituto, questi è autorizzato a compensare l'ammontare delle stesse all'atto della liquidazione del mutuo.
 

ART. 13

OBBLIGO DI COOPERAZIONE

1. La Provincia e l'istituto comunicano reciprocamente e tempestivamente gli eventuali reclami, inconvenienti e suggerimenti in ordine allo svolgimento del servizio.
 

ART. 14

DURATA DELLA CONVENZIONE

1. Il servizio di gestione del fondo di rotazione è effettuato dall'istituto fino all'avvenuta restituzione di tutte le rate di ammortamento dei mutui di cui all'articolo 1, comma 2, concessi dalla Provincia fino alla data del 31 dicembre 2009, anche se stipulati in data successiva.
2. Le parti convengono che, di comune accordo ed in qualsiasi momento possono apportare alle modalità di espletamento del servizio ogni perfezionamento ritenuto opportuno in base all'esperienza o in relazione alla disponibilità di nuovi mezzi tecnici.
3. Le parti convengono che modifiche di natura tecnica o procedimentale alla presente convenzione potranno essere effettuate sulla base di intese concordate attraverso la normale corrispondenza.
 

ART. 15

RISOLUZIONE ANTICIPATA DELLA CONVENZIONE

1. La Provincia si riserva la facoltà di risolvere la convenzione prima della scadenza in caso di gravi inadempienze degli obblighi derivanti all'istituto dalla presente convenzione o da altre norme di legge o di regolamento in essa presupposte, fatto salvo il risarcimento del danno.
2. La convenzione si risolve di diritto qualora vengano meno in capo all'istituto i requisiti per essere ammesso alla gestione del fondo di rotazione.
3. Se nel periodo di durata della convenzione dovessero entrare in vigore normative statali o provinciali che modifichino la tipologia delle agevolazioni edilizie ovvero i presupposti che presiedono alla gestione del fondo di rotazione, la convenzione, previa comunicazione della Provincia da inviarsi a mezzo raccomandata A.R., si intende risolta a far data dal trentesimo giorno successivo a quello del ricevimento della comunicazione prima menzionata, salvo l'obbligo di continuare il servizio di gestione fino all'avvenuta restituzione di tutte le rate di ammortamento dei mutui concessi fino alla data di risoluzione.
 

ART. 16

SPESE INERENTI ALLA CONVENZIONE

1. Tutte le spese, imposte e tasse conseguenti alla stipula della presente convenzione sono a carico dell'istituto.
 

ART. 17

EFFICACIA DELLA CONVENZIONE

1. La presente convenzione obbliga le parti fin dal momento della sua sottoscrizione.
 

ART. 18

TUTELA DELLA RISERVATEZZA

1. Ai sensi e per gli effetti dell'articolo 10 della legge 31 dicembre 1996, n. 675, le parti contrattuali, quali titolari dei dati personali e dei dati dell'ente o della società che rappresentano, dichiarano che si sono rese oralmente l'informativa sul trattamento dei dati raccolti in seguito alla stipulazione della presente convenzione.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2020
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction Delibera N. 74 del 19.01.2009
ActionAction Delibera N. 2 del 12.01.2009
ActionAction Delibera N. 135 del 19.01.2009
ActionAction Delibera N. 189 del 26.01.2009
ActionAction Delibera N. 278 del 02.02.2009
ActionAction Delibera N. 331 del 09.02.2009
ActionAction Delibera N. 333 del 09.02.2009
ActionAction Delibera N. 478 del 16.02.2009
ActionAction Delibera N. 625 del 09.03.2009
ActionAction Delibera N. 755 del 16.03.2009
ActionAction Delibera N. 829 del 23.03.2009
ActionAction Delibera N. 922 del 30.03.2009
ActionAction Delibera N. 1150 del 27.04.2009
ActionAction Delibera N. 1185 del 27.04.2009
ActionAction Delibera 27 aprile 2009, n. 1181
ActionAction Delibera N. 1195 del 27.04.2009
ActionAction Delibera N. 1196 del 27.04.2009
ActionAction Delibera 4 maggio 2009, n. 1257
ActionAction Delibera 4 maggio 2009, n. 1264
ActionAction Delibera N. 1273 del 04.05.2009
ActionAction Delibera N. 1274 del 04.05.2009
ActionAction Delibera N. 1438 del 25.05.2009
ActionAction Delibera N. 1440 del 25.05.2009
ActionAction Delibera N. 1508 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1510 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1526 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1544 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1572 del 08.06.2009
ActionAction Delibera 15 giugno 2009, n. 1600
ActionAction Delibera N. 1588 del 08.06.2009
ActionAction Delibera N. 1605 del 15.06.2009
ActionAction Delibera N. 1665 del 22.06.2009
ActionAction Delibera N. 1703 del 22.06.2009
ActionAction Delibera N. 1816 del 06.07.2009
ActionAction Delibera N. 1853 del 13.07.2009
ActionAction Delibera N. 1829 del 13.07.2009
ActionAction Delibera N. 1931 del 27.07.2009
ActionAction Delibera N. 1958 del 27.07.2009
ActionAction Delibera N. 1977 del 13.08.2009
ActionAction Delibera N. 989 del 06.04.2009
ActionAction Delibera N. 1027 del 06.04.2009
ActionAction Delibera N. 2049 del 13.08.2009
ActionAction Delibera N. 1060 del 14.04.2009
ActionAction Delibera 24 agosto 2009, n. 2077
ActionAction Delibera N. 2201 del 07.09.2009
ActionAction Delibera N. 2209 del 07.09.2009
ActionAction Delibera 14 settembre 2009, n. 2264
ActionAction Delibera N. 2321 del 21.09.2009
ActionAction Delibera N. 2325 del 21.09.2009
ActionAction Delibera N. 2398 del 28.09.2009
ActionAction Delibera 28 settembre 2009, n. 2406
ActionAction Delibera N. 2510 del 19.10.2009
ActionAction Delibera N. 2740 del 09.11.2009
ActionAction Delibera N. 2717 del 09.11.2009
ActionAction Delibera N. 2756 del 16.11.2009
ActionAction Delibera N. 2780 del 16.11.2009
ActionAction Delibera N. 2789 del 16.11.2009
ActionAction Delibera Nr. 2800 vom 23.11.2009
ActionAction Delibera 23 novembre 2009, n. 2813
ActionAction Beschluss N. 2913 del 14.12.2009
ActionAction Delibera 14 dicembre 2009, n. 2911
ActionAction Delibera N. 2916 del 14.12.2009
ActionAction Delibera N. 2978 del 14.12.2009
ActionAction Delibera N. 3088 del 21.12.2009
ActionAction Delibera N. 3167 del 30.12.2009
ActionAction Delibera N. 3197 del 30.12.2009
ActionAction Delibera N. 2294 del 14.09.2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico