In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 21/11/2014

T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 363 del 04.12.1998
Sperimentazione scolastica - compresenza di insegnanti di lingua diversa - compatibilità con Statuto di autonomiaPresidenza Consiglio Ministri - potere di intervento adesivo nel giudizio amministrativo

Sentenza 4 dicembre 1998, n. 363; Pres. De Gennaro – Est. Camozzi
 
La scuola dell'obbligo in Alto Adige presenta caratteri peculiari dovendo tener conto della equiparazione a tutti gli effetti di legge delle lingue italiana e tedesca sancita dall'art. 99 del D.P.R. 31.8.1972 n. 670 (T.U. leggi costituzionali concernenti lo statuto speciale per il Trentino-Alto Adige. I principi che regolano l'istruzione scolastica obbligatoria sono fissati nell'art. 19 dello statuto, il quale - nel prevedere che l'insegnamento nelle scuole è impartito nella madrelingua degli alunni da docenti di eguale madrelingua, mentre l'insegnamento della seconda lingua avviene da parte di docenti per i quali detta seconda lingua sia la madrelingua - persegue lo scopo di assicurare che gli alunni abbiano insegnanti della corrispondente lingua materna, che deve essere lo lingua veicolare, e di dare rilevanza costituzionale allo studio abbinato della seconda lingua, con docenti per i quali la seconda lingua sia ugualmente quella materna. La normativa di attuazione ( D.P.R. 10.2.1983 n. 89) dal suo canto, ha istituito scuole di insegnamento in lingua italiana e scuole di insegnamento in lingua tedesca con l'insegnamento in entrambe della seconda lingua in via curriculare, al fine, appunto, di pervenire ad una adeguata conoscenza della stessa.
Considerato che i genitori sono direttamente responsabili dell'adempimento dell'obbligo scolastico da parte dei propri figli minori, va riconosciuto in capo ai genitori stessi, non solo quali esercenti la patria potestà, ma anche in proprio, un interesse, distinto da quello generale dell'amministrazione scolastica, all'assolvimento dell'obbligo scolastico attraverso un corretto uso dei poteri spettanti alla P.A. Per quanto concerne in particolare l'istruzione scolastica in provincia di Bolzano - in relazione alla equiparazione delle lingue italiana e tedesca ed all'insegnamento obbligatorio della seconda lingua dalla seconda classe elementare per tutto il ciclo dell'istruzione secondaria - concorre anche il contingente interesse al perseguimento, a tutti i livelli e con i mezzi più opportuni, di un approfondimento della seconda lingua.
É principio acquisito che a nozione di interesse legittimo va riferita ad ogni situazione di interesse sostanziale, configurabile anche quale realizzazione di una utilità sperata, che abbia non solo carattere differenziato rispetto alla generalità, ma sia altresì qualificato per un certo grado di protezione ad esso accordata dall'ordinamento.
Il soggetto che interviene ad adiuvandum nel procedimento amministrativo non esercita alcuna azione impugnatoria autonoma non facendo valere una propria posizione di interesse legittimo, ma si limita a sostenere adesivamente le ragioni del ricorrente, chiedendo al giudice amministrativo l'accoglimento del ricorso principale su presupposto di essere titolare di un interesse correlato ed accessorio rispetto a quello fatto valere dal ricorrente che ne legittima processualmente l'intervento adesivo. Circa i tempi dell'intervento, questo può avvenire in qualsiasi momento e nello stato in cui si trova la controversia, salvo il rispetto, ai sensi dell'art. 23 comma 4 legge 6.12.1971 n. 1034, dell'invalicabile limite temporale e dei venti giorni e dei dieci giorni liberi prima dell'udienza di trattazione del ricorso fissati rispettivamente per il deposito di documenti e di memorie illustrative.
In relazione all'art. 1 del D.Lgs 16.3.1992 n. 266 (norme di attuazione dello statuto in materia di rapporti fra atti legislativi statali e leggi regionali e provinciali il quale precisa che è dovere istituzionale dello Stato e degli altri enti pubblici locali contribuire, nell'ambito delle rispettive funzioni, all'osservanza dello statuto speciale, deve riconoscersi alla Presidenza del Consiglio dei Ministri un interesse di fatto, e quindi un interesse processuale, alla tutela giurisdizionale avverso atti della Provincia autonoma ritenuti in contrasto con norme statutarie o di attuazione, tutela che può essere in concreto perseguita utilizzando lo strumento processuale dell'intervento adesivo volontario nel giudizio amministrativo.
La contemporanea presenza fisica in aula di docenti di madrelingua italiana e tedesca - nell'ambito di programmi di sperimentazione scolastica per il potenziamento della conoscenza della seconda lingua o di lingua straniera - non è incompatibile né con la lettera né con lo spirito dell'art. 19 dello statuto di autonomia e non viola di per sé i generale principio statutario, in esso enunciato, dell'insegnamento nella lingua materna dell'alunno. Invero tale principio non sembra escludere a priori che si possa attuare, sia nella fase della programmazione che in quella successiva della concreta attuazione didattica, un costante rapporto di coordinamento e di integrazione tra le varie materie curriculari, e quindi anche tra la seconda lingua (che certamente è disciplina curriculare al pari delle altre) e le rimanenti materie d'insegnamento. É quindi illegittimo, per mancanza assoluta di motivazione, il provvedimento della Giunta provinciale di Bolzano che, nell'autorizzare a sperimentazione, abbia acriticamente, e con apodittica affermazione, vietato in via assoluta ogni forma di compresenza senza evidenziarne e ragioni di incompatibilità con il comma dell'art. 19 dello statuto.
indice
ActionActionVerfassungsrechtliche Bestimmungen
ActionActionLandesgesetzgebung
ActionActionBeschlüsse der Landesregierung
ActionActionUrteile Verfassungsgerichtshof
ActionActionUrteile Verwaltungsgericht
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 7 del 19.01.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 9 del 27.01.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 23 del 28.01.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 24 del 28.01.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 26 del 28.01.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 29 del 09.02.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 33 vom 10.02.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 42 del 25.02.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 52 del 16.03.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 56 del 16.03.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 58 vom 16.03.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 65 vom 24.03.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 66 del 25.03.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 67 del 25.03.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 69 del 25.03.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 72 del 30.03.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 74 vom 30.03.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 75 vom 30.03.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 76 vom 30.03.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 88 del 07.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 90 del 07.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 92 del 07.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 93 del 07.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 97 del 14.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 107 del 20.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 108 del 21.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 109 del 21.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 110 del 21.04.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 123 vom 29.04.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 123 del 29.04.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 125 vom 04.05.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 127 del 05.05.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 129 del 22.05.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 135 del 26.05.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 138 del 27.05.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 139 del 27.05.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 149 del 29.05.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 155 del 08.06.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 157 del 08.06.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 160 del 10.06.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 175 del 19.06.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 181 del 27.06.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 184 vom 27.06.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 187 del 27.06.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 193 del 07.07.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 195 del 07.07.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 251 del 12.08.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 258 del 26.08.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 266 del 14.09.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 267 del 14.09.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 270 del 14.09.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 272 del 17.09.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 273 del 17.09.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 275 vom 28.09.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 276 del 28.09.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 277 vom 28.09.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 280 vom 28.09.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 282 vom 28.09.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 289 del 02.10.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 290 del 05.10.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 291 vom 05.10.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 304 del 28.10.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 306 vom 30.10.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 308 del 30.10.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 311 del 30.10.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 314 del 03.11.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 316 del 09.11.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 328 vom 11.11.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 329 vom 11.11.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 331 del 11.11.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 336 del 18.11.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 351 del 23.11.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 354 vom 30.11.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 361 del 04.12.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 363 del 04.12.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 364 del 15.12.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 366 vom 15.12.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 371 vom 15.12.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 372 vom 15.12.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 377 del 17.12.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 381 del 17.12.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 382 del 17.12.1998
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 388 vom 29.12.1998
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 389 del 29.12.1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1989
ActionActionChronologisches inhaltsverzeichnis