In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

e) Legge provinciale 30 luglio 1999, n. 61)
Istituzione della biblioteca provinciale italiana

vedi regolamento di esecuzione: D.P.G.P. n. 3/2000

1)

Pubblicata nel Suppl. n. 2 al B.U. 17 agosto 1999, n. 37.

Art. 1 (Istituzione e finalità)

(1) È istituita, con sede in Bolzano, la Biblioteca provinciale italiana. Le modalità per l'istituzione sono disciplinate con regolamento di esecuzione. La Biblioteca provinciale ha personalità giuridica propria e gestione autonoma a tutti gli effetti, senza scopo di lucro.

(2) La Biblioteca provinciale italiana ha la finalità di favorire lo studio delle scienze, delle lettere e delle arti, nonché dei molteplici aspetti della cultura locale e non locale mediante la raccolta, la conservazione e il prestito di materiale bibliografico, pubblicistico e documentario, e di ricercare e documentare gli aspetti storico-culturali dell'Alto Adige, con riferimento in particolare agli scritti in lingua italiana.

(3) Al fine di promuovere e agevolare lo studio e la ricerca, la Biblioteca provinciale italiana persegue le proprie finalità disciplinando la scelta del proprio materiale secondo i compiti che verranno stabiliti dal regolamento di esecuzione di cui al comma 1.

(4) La sua costituzione è finalizzata inoltre a favorire opportune sinergie con le biblioteche dei comuni con presenza di appartenenti al gruppo linguistico italiano o con altre istituzioni bibliotecarie pubbliche del territorio provinciale, per il raggiungimento degli obiettivi di cui al comma 2.

Art. 2 (Patrimonio)

(1) Il patrimonio della Biblioteca provinciale italiana è costituito dai beni mobili e immobili passati in sua proprietà attraverso acquisto, donazione o altro titolo.

(2) La Giunta provinciale è autorizzata a mettere gratuitamente a disposizione della Biblioteca provinciale italiana un'apposita sede nonché i necessari arredamenti ed attrezzature.

(3) La Biblioteca provinciale italiana è autorizzata ad assumere in carico fondi librari o altro materiale di consultazione concessole in prestito con contratto o comunque datole in affidamento.

(4) In caso di scioglimento della Biblioteca provinciale italiana, la Giunta provinciale decide in merito alla destinazione del suo patrimonio, per scopi comunque sempre legati allo sviluppo delle conoscenze e studio dei molteplici aspetti della cultura locale, specialmente quella legata alla produzione scientifica, letteraria ed artistica nell'ambito del gruppo linguistico italiano, ma anche non locale, con particolare riferimento ai fenomeni culturali nazionali anche nelle loro proiezioni europee.

Art. 3 (Mezzi finanziari)

(1) I mezzi finanziari occorrenti per il funzionamento e la gestione della Biblioteca provinciale italiana sono costituiti da:

  • a)  la quota annuale di finanziamento a carico della Provincia, determinata dalla Giunta provinciale;
  • b)  finanziamenti di enti pubblici e privati;
  • c)  i proventi di eventuali donazioni, lasciti ed altre elargizioni;
  • d)  le assegnazioni straordinarie di fondi per particolari attività affidate alla Biblioteca provinciale italiana dalla Giunta provinciale;
  • e)  i corrispettivi per le utenze, le more e le mediazioni;
  • f)  qualunque altro introito che consenta il perseguimento delle finalità della Biblioteca.

Art. 4 (Organi)

(1) Per l'amministrazione ed il funzionamento della Biblioteca provinciale italiana sono previsti i seguenti organi:

  • a)  il consiglio di amministrazione;
  • b)  il presidente del consiglio di amministrazione;
  • c)  il direttore;
  • d)  il comitato scientifico;
  • e)  il collegio dei revisori dei conti.

(2) La composizione e la nomina degli organi nonché le rispettive competenze sono disciplinate con il regolamento di esecuzione di cui all'articolo 1.

Art. 5 (Personale)

(1) La Biblioteca provinciale italiana si avvale di personale messo a disposizione dalla Provincia. La relativa dotazione organica è determinata dalla Giunta provinciale nel rispetto della dotazione organica complessiva del personale provinciale. Per attività non aventi carattere amministrativo la Biblioteca può altresì avvalersi di collaborazioni esterne.

(2) Il direttore/La direttrice della Biblioteca è nominato/a dalla Giunta provinciale per la durata di quattro anni. A esso/essa si applica la disciplina vigente per i direttori/le direttrici di ufficio. 2)

2)

L'art. 5 è stato sostituito dall'art. 12 della L.P. 20 giugno 2005, n. 3.

Art. 6 (Finanziamento)

(1) La spesa per l'attuazione della presente legge sarà autorizzata con legge finanziaria annuale.

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge delle Provincia.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionA Radiotelevisione Azienda Speciale della Provincia di Bolzano (RAS)
ActionActionB Provvidenze per attività culturali
ActionActionC Tutela dei beni culturali
ActionActionD Istituzioni culturali
ActionActiona) Legge provinciale 31 luglio 1976, n. 27
ActionActionb) Legge provinciale 3 agosto 1977, n. 25
ActionActionc) Legge provinciale 16 febbraio 1982, n. 5
ActionActiond) Legge provinciale 29 ottobre 1991, n. 31
ActionActione) Legge provinciale 30 luglio 1999, n. 6
ActionActionf) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 24 gennaio 2000, n. 3
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 7 luglio 2008, n. 26
ActionActionn) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 26 maggio 1997, n. 2210
ActionActiono) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 15 settembre 1997, n. 4611
ActionActions) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 13 settembre 1999, n. 3886
ActionActionv) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 22 settembre 2003, n. 3272
ActionActionw) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 3 dicembre 1990, n. 7617
ActionActionx) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 24 novembre 2003, n. 4246
ActionActionE Archivio provinciale
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico