In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

b) Legge provinciale 19 gennaio 1976, n. 61)
Ordinamento dell'Istituto Provinciale Assistenza all'Infanzia

1)

Pubblicata nel B.U. 10 febbraio 1976, n. 6.

Art. 1 (Finalità)

(1) L'Istituto provinciale di assistenza all'infanzia è un istituto di pronta e transitoria accoglienza.2)

(2) In particolare, l'istituto ha il compito di accogliere e di assistere a tempo parziale o a tempo pieno i bambini fino a tre anni insieme, eventualmente, alle rispettive madri:

  1. quando sono in attesa di provvedimenti o interventi di superamento della fase assistenziale transitoria;
  2. quando necessitino di alloggio, nutrimento o altri bisogni primari oppure la loro presenza nella famiglia crei tensione o disagi che consiglino l'allontanamento. 3)

(2/bis) La permanenza dei bambini nell'istituto cessa con il venire meno delle difficoltà che hanno determinato l'accettazione e, salvo casi eccezionali, non può essere protratta oltre il sesto mese dall'ingresso.4)

(3) L'Istituto accoglie e assiste in via temporanea e transitoria anche le donne durante lo stato di gravidanza nei casi di particolare stato di bisogno.2)

2)

I commi 1 e 3 sono stati sostituiti dall'art. 3, comma 1, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

3)

Il comma 2 è stato sostituito dall'art. 24 della L.P. 24 novembre 1997, n. 16.

4)

Il comma 2/bis è stato inserito dall'art. 24 della L.P. 24 novembre 1997, n. 16.

Art. 2 (Gestione dell'Istituto)  delibera sentenza

(1) L'Istituto viene gestito in economia, ai sensi della vigente normativa provinciale riguardante la gestione di servizi in economia.

(2) L'Istituto ha un proprio bilancio, approvato dalla Giunta provinciale, le cui risultanze finali formano oggetto di appositi capitoli da iscrivere nella parte concernente gli stabilimenti speciali del bilancio della Provincia.

(3) La retta giornaliera viene determinata, per ciascun esercizio finanziario, dalla Giunta provinciale, su proposta dell'Assessore cui è demandata la materia dell'assistenza all'infanzia.

(4)5)

massimeDelibera N. 4678 del 09.12.2008 - Determinazione dei costi convenzionali giornalieri relativi all'anno 2009 per l'Istituto provinciale per l'Assistenza all'Infanzia
5)

Abrogato dall'art. 5, comma 3, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 3 (Vigilanza sull'Istituto)

(1) La vigilanza sull'Istituto compete all'Assessore provinciale cui è demandata la materia dell'assistenza minorile.

Art. 4 (Accettazione)

(1) L'accettazione dei bambini, delle gestanti e delle madri ha luogo, su proposta del servizio sociale provinciale, con l'autorizzazione, ai fini amministrativi, dell'ufficio provinciale addetto al servizio di assistenza minorile.

Art. 5 5)

5)

Abrogato dall'art. 5, comma 3, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 6 (Servizi dell'Istituto)

(1) I servizi dell'Istituto si suddividono in:

  1. 5)
  2. servizi educativo-assistenziali;
  3. servizi amministrativi e generali;
  4. 5)
5)

Abrogato dall'art. 5, comma 3, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 7 (Direzione)

(1) La Giunta provinciale nomina il direttore/la direttrice dell'istituto scegliendolo/a tra i/le dipendenti che siano inquadrati/e almeno nella VI qualifica funzionale e che abbiano un'esperienza almeno quadriennale di lavoro in servizi specializzati per la prima infanzia.

(2) Il direttore/la direttrice provvede ad accettare e dimettere i bambini, le gestanti e le madri, sovrintende ai servizi assistenziali, amministrativi e ausiliari, tiene i rapporti con le amministrazioni, gli enti e il pubblico, regolamentando anche i turni di lavoro del personale.

(3) L'educatore professionale/l' educatrice professionale, o un operatore/un' operatrice a tal fine designato/a dal direttore/dalla direttrice fra il personale di cui all'articolo 8, comma 2, coordina il personale addetto alla vigilanza e all'assistenza diretta dei bambini, cura i rapporti assistenziali con le madri ospiti dell'istituto e sostituisce il direttore/la direttrice in caso di assenza o impedimento.6)

6)

L'art. 7 è stato sostituito dall'art. 3, comma 2, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 8 (Responsabilità sanitarie)

(1) La vigilanza sanitaria all'interno dell'Istituto provinciale assistenza all'infanzia e la consulenza pediatrica e nipiologica nei confronti dei bambini sono esercitate dall'azienda speciale Unità sanitaria locale Centro Sud.

(2) L'assistenza medico-infermieristica deve essere garantita dalla suddetta azienda speciale Unità sanitaria locale Centro Sud ed i relativi oneri finanziari saranno a carico del Fondo sanitario provinciale.

(3) L'assessore provinciale competente in materia di assistenza all'infanzia è autorizzato a stipulare con l'azienda speciale Unità sanitaria locale Centro Sud apposita convenzione per la disciplina degli interventi di cui ai commi 1 e 2, secondo convenzione-tipo approvata dalla Giunta provinciale.7)

7)

L'art. 8 è stato sostituito dall'art. 3, comma 3, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 9 (I servizi amministrativi ed economali)

(1) Per il regolare svolgimento dei servizi amministrativi ed economali, al direttore dell'istituto viene assegnato un impiegato provinciale del ruolo generale amministrativo.

(2) Questi coadiuva il direttore nella gestione dell'istituto secondo le vigenti leggi e regolamenti, negli adempimenti amministrativi e di segreteria relativi all'istituto e nei rapporti con enti e persone estranei all'istituto stesso.

Art. 10 5)

5)

Abrogato dall'art. 5, comma 3, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 11 (Commissione consultiva per il coordinamento dei servizi)

(1) Per facilitare la collaborazione fra i diversi servizi dell'istituto viene istituita una commissione consultiva composta dal direttore dell'istituto, che la convoca e la presiede, dal direttore sanitario, dall'incaricato dei servizi economali, dal cappellano e da un rappresentante del personale dell'istituto.

(2) Fa parte altresì della commissione suddetta un assistente sociale addetto al settore minorile.

(3) In casi di necessità, su proposta della commissione, possono essere interpellati degli esperti, che intervengono alle riunioni.

Art. 12-15 8)

8)

Abrogati dall'art. 5, comma 3, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 16 9)

9)

Abrogato dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 17 (Disposizioni varie)

(1) Presso l'istituto provinciale di assistenza all'infanzia sono ammesse le frequenze di allieve di scuole di preparazione dell'assistenza all'infanzia, previa autorizzazione del direttore sanitario e sentita la commissione di cui all'articolo 11 della presente legge. Le allieve ammesse devono seguire le istruzioni loro impartite dal personale dirigente dell'istituto e possono fruire di vitto gratuito nell'istituto.

(2)5)

(3) L'assunzione del personale ausiliario può essere effettuata anche prescindendo dal pubblico concorso, mediante nomina per chiamata di persone in possesso dei requisiti prescritti.

(4) Prima dell'inizio del rapporto di lavoro il personale di cui ai precedenti commi del presente articolo viene sottoposto ad una visita medica di accertamento dell'idoneità fisica al lavoro svolta nell'istituto.

(5) Si applicano al personale dell'istituto le norme riguardanti il trattamento giuridico ed economico del personale provinciale, se ed in quanto non diversamente disposto dalla presente legge.

5)

Abrogato dall'art. 5, comma 3, della L.P. 9 aprile 1996, n. 8.

Art. 18-21 10)

10)

Abrogati dall'art. 28 della L.P. 10 agosto 1995, n. 16.

Art. 22

(1) Al personale in servizio alla data di entrata in vigore della presente legge vengono attribuiti gli emolumenti connessi ai parametri indicati nell'allegata tabella organica.

Art. 23 11)

11)

Omissis.

Art. 24 (Note finali)

(1) Con l'entrata in vigore della presente legge è abrogata a tutti gli effetti la legge provinciale 12 agosto 1965, n. 10, di eguale oggetto.

Art. 25

(1) Entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge verrà provveduto all'emanazione di un apposito regolamento di esecuzione.

(2) Detto regolamento disciplinerà il tipo e le modalità di conduzione della gestione, il funzionamento della commissione consultiva per il coordinamento dei servizi, le modalità di funzionamento dei servizi dell'istituto ed i compiti del personale ad essi addetto.

(3) La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

ALLEGATO A12)

12)

Sopresso dall'art. 1 della L.P. 15 aprile 1991, n. 11.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 29 aprile 1975, n. 20
ActionActionb) Legge provinciale 19 gennaio 1976, n. 6
ActionActionc) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 29 aprile 1977, n. 18
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 16 febbraio 1980, n. 4
ActionActione) LEGGE PROVINCIALE 1° agosto 1980, n. 28
ActionActionf) Legge provinciale 1° giugno 1983, n. 13 —
ActionActiong) LEGGE PROVINCIALE 21 dicembre 1987, n. 33 —
ActionActionh) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 7 agosto 1989, n. 19
ActionActioni) Legge provinciale 6 novembre 1989, n. 10
ActionActionj) LEGGE PROVINCIALE 29 gennaio 2002, n. 2
ActionActionk) LEGGE PROVINCIALE 3 ottobre 2003, n. 15
ActionActionl) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 18 agosto 2004, n. 27
ActionActionm) Legge provinciale 8 marzo 2010 , n. 5
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 5 marzo 2012, n. 6
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico