In vigore al

RICERCA:

Aufgrund von Wartungsarbeiten steht der Dienst am 24. Oktober 2019 von 00:00 Uhr bis 02:00 Uhr nicht zur Verfügung.

Il giorno 24 ottobre 2019 il servizio non sará disponibile dalle ore 00:00 alle ore 02:00 per manutenzione.

In vigore al: 11/09/2012

a) Legge provinciale 20 febbraio 1970, n. 41)
Provvedimenti di assistenza creditizia a coltivatori diretti assuntori di masi chiusi

1)

Pubblicata nel B.U. 10 marzo 1970, n. 10.

Art. 1

(1) Per agevolare l'assunzione dei masi chiusi da parte di coltivatori diretti aventi diritto in base alle norme di cui al Testo Unico approvato con D.P.G.P. 7 febbraio 1962, n. 82) , la Provincia è autorizzata a concedere con le modalità e nella misura di cui alla presente legge un contributo annuo costante sui mutui contratti dai suddetti presso istituti di credito, comprese le Casse rurali.

(2) Agli effetti della presente legge sono considerati coltivatori diretti le persone le quali ricavano il loro reddito principale dalla lavorazione della terra.

(3) I beneficiari del contributo di cui alla presente legge devono restituire i contributi concessi dalla Giunta provinciale qualora entro cinque anni dall'assunzione del maso vengano meno volontariamente alla qualifica di coltivatori diretti. Qualora il caso sopra menzionato si verifichi quando siano già trascorsi cinque anni, cessa il pagamento dei contributi residui.3)

3)

Il comma 3 è stato sostituito dall'art. 1 della L.P. 9 novembre 1974, n. 22.

Art. 2

(1) Possono beneficiare del contributo di cui alla presente legge gli assuntori di masi chiusi per successione legittima o testamentaria oppure per atti tra vivi, purché in quest'ultimo caso appartengano alle prime tre categorie indicate nell'articolo 18 del Testo Unico delle leggi provinciali sull'ordinamento dei masi chiusi, i quali entro il periodo di un anno dall'intavolazione del diritto di proprietà del maso al proprio nome, presentino domanda alla Giunta provinciale, indicando l'istituto di credito presso il quale desiderano che venga acceso il mutuo.

(2) Possono inoltre beneficiare del contributo coloro i quali all'atto dell'assunzione erano coeredi ed hanno acquistato successivamente il maso dall'assuntore dello stesso. In questi casi il contributo può essere concesso solo in quanto l'assuntore del maso abbia contratto un mutuo agevolato ai sensi della presente legge e per la durata necessaria per l'estinzione dello stesso. Comunque, non è ammissibile il contributo per due mutui contemporaneamente.

(3) La disposizione di cui al primo comma di quest'articolo si applica tuttavia a coloro i quali, essendo tenuti all'integrazione della quota riservata ai legittimari, entro due anni dalla data della sentenza passata in giudicato sull'azione di riduzione o dalla data dell'avvenuta conciliazione extra-giudiziale presenteranno domanda alla Giunta provinciale per ottenere il contributo.

(4) Qualora l'ammontare del mutuo superi la somma di lire 70 milioni, per l'importo superante detta somma non può essere concesso nessun contributo.4)

(5) Ad assuntori di masi chiusi che assumano il maso per atto tra vivi non può essere concesso alcun contributo per la somma eccedente l'importo di lire 30 milioni, se al momento dell'assunzione, a prescindere dall'assuntore o dal coniuge del dante causa, non ci siano altri eredi necessari.4)

(6) La Giunta provinciale può adeguare gli importi di cui al presente articolo alla variazione del valore monetario.5)

4)

I commi 4 e 5 sono stati aggiunto dall'art. 2 della L.P. 9 novembre 1974, n. 22.

5)

Il comma 6 è stato aggiunto dall'art. 23 della L.P. 7 luglio 1980, n. 24.

Art. 3

(1) Il contributo costante per mutui ai sensi dell'articolo 1 sarà concesso per un periodo massimo di 15 anni fino ad un importo del 5,5% sui mutui contratti. L'ammontare del contributo è stabilito con riguardo alla redditività dell'azienda agricola e con riguardo al numero degli eredi cedenti da liquidare.

(2) Alle aziende agricole di montagna può essere concesso un contributo costante fino al 6,5% sui mutui contratti. Ai sensi della presente legge si intendono per aziende agricole di montagna quelle aziende nelle quali per ragioni climatiche, per la situazione delle comunicazioni esterne ed interne oppure l'inclinazione del sito, esistono condizioni particolarmente gravose di vita e di produzione. I criteri secondo i quali sarà da accertare l'esistenza di queste condizioni saranno determinati con regolamento di esecuzione.

(3) Il Presidente della giunta provinciale è autorizzato a stipulare speciali convenzioni con gli istituti di credito per regolare la concessione dei mutui, le modalità, i criteri generali delle garanzie ed ogni altro particolare attinente.

(4) La Giunta provinciale è autorizzata ad emendare adeguatamente i limiti massimi di cui al primo e secondo comma del presente articolo, qualora venga diminuito o aumentato il tasso di interesse praticato dagli istituti di credito.6)

6)

L'art. 3 è stato sostituito dall'art. 4 della L.P. 9 novembre 1974, n. 22.

Art. 4

(1) La concessione del contributo sui mutui contratti è disposta con deliberazione della Giunta provinciale, su proposta dell'Assessore provinciale per l'agricoltura e le foreste cui è demandata l'istruttoria delle domande in ordine al possesso dei requisiti, al soddisfacimento di eventuali obblighi, al valore effettivo del maso e delle modalità stabilite dall'istituto di credito per l'accessione del mutuo. La determinazione del valore effettivo del maso assunto avviene in base ad una stima eseguita per incarico dell'Assessore competente da impiegati del ruolo speciale dei servizi agrari della carriera direttiva o di concetto oppure da un esperto in materia agraria iscritto nell'elenco ufficiale di cui all'articolo 25/b, primo comma, della legge provinciale 23 ottobre 1959, n. 10.7)

(2) Qualora risulti che i capitali mutuati o parte di essi siano stati impiegati a scopo diverso da quello contemplato nella presente legge, il contributo sarà revocato ed il concessionario tenuto a restituire l'importo corrispondente al contributo già goduto. Non può usufruire dei benefici a norma della presente legge chi ottiene altri contributi previsti da leggi statali o regionali per l'acquisto della proprietà fondiaria.

(3) In caso di estinzione anticipata del mutuo il beneficiario può chiedere la liquidazione delle rimanenti rate costanti posticipate di contributo a condizione che siano trascorsi almeno cinque anni dall'assunzione del mutuo e che il richiedente sia ancora in possesso dei requisiti necessari per la concessione del contributo stesso.8)

7)

Il comma 1 è stato sostituito dall'art. 4 della L.P. 9 novembre 1974, n. 22.

8)

Il comma 3 è stato aggiunto dall'art. 4 della L.P. 9 novembre 1974, n. 22, e successivamente sostituito dall'art. 8 della L.P. 24 febbraio 1993, n. 5.

Art. 59)

9)

Omissis.

Norme transitorie

Art. 6

(1) Le disposizioni della presente legge possono essere applicate anche a favore di coloro i quali potevano beneficiare del concorso negli interessi ai sensi della legge provinciale 6 agosto 1963, n. 10, purché entro il termine improrogabile di un anno dell'entrata in vigore della presente legge presentino domanda alla Giunta provinciale per ottenere il contributo.

Art. 7

(1) Del contributo possono usufruire anche coloro per i quali a partire dalla data 1° luglio 1968 esistevano i presupposti richiesti dall'articolo 2, secondo comma, della presente legge.

(2) Le domande di concessione di contributi di cui alla presente legge devono essere presentate entro il 31 dicembre 2005.10)

10)

Il comma 2 è stato aggiunto dall'art. 3 della L.P. 20 giugno 2005, n. 4.

Disposizioni finali

Art. 8

(1) Con l'entrata in vigore della presente legge è abrogata la legge provinciale 6 agosto 1963, n. 10.

(2) Restando tuttavia in vigore le convenzioni con gli istituti di credito stipulate in base all'articolo 2 della legge provinciale 21 settembre 1956, n. 8, nonché in base all'articolo 3 della legge provinciale 6 agosto 1963, n. 10.

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionA Masi chiusi
ActionActionB Interventi a favore dell' agricoltura
ActionActiona) Legge provinciale 20 febbraio 1970, n. 4
ActionActionArt. 1
ActionActionArt. 2
ActionActionArt. 3
ActionActionArt. 4
ActionActionArt. 5
ActionActionNorme transitorie
ActionActionDisposizioni finali
ActionActionb) Legge provinciale 29 agosto 1972, n. 24
ActionActionc) Legge provinciale 23 agosto 1973, n. 30
ActionActiond) Legge provinciale 29 novembre 1973, n. 83 —
ActionActione) Legge provinciale 11 gennaio 1974, n. 1
ActionActionf) Legge provinciale 11 novembre 1974, n. 20
ActionActiong) Legge provinciale 11 gennaio 1975, n. 2
ActionActionh) Legge provinciale 31 dicembre 1976, n. 58
ActionActioni) Legge provinciale 22 maggio 1980, n. 12
ActionActionj) Legge provinciale 7 luglio 1980, n. 24
ActionActionk) Legge provinciale 3 novembre 1981, n. 29
ActionActionl) Legge provinciale 16 aprile 1985, n. 8
ActionActionm) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 aprile 1986, n. 7
ActionActionn) Legge provinciale 10 dicembre 1987, n. 31
ActionActiono) Legge provinciale 24 febbraio 1993, n. 5
ActionActionp) Legge provinciale 19 novembre 1993, n. 23 —
ActionActionq) Legge provinciale 14 agosto 1996, n. 18
ActionActionr) Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 
ActionActions) Legge provinciale 9 agosto 1999, n. 7
ActionActionl') DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 6 febbraio 1997, n. 2
ActionActionC Bonifica e ricomposizione fondiaria
ActionActionD Agenzia Demanio provinciale, Centro di sperimentazione Laimburg e servizio fitopatologico
ActionActionE Zootecnia
ActionActionF Igiene dei prodotti alimentari
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico