In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

e) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 21 luglio 1994, n. 331)
Regolamento di esecuzione dell'articolo 22 della legge provinciale 27 ottobre 1988, n. 41, modificato dall'articolo 14 della legge provinciale 16 giugno 1992, n. 18: Iscrizione nell'elenco provinciale degli esperti della sicurezza: regolamentazione delle modalità di accesso"

Visualizza documento intero
1)

Pubblicato nel B.U. 23 agosto 1994, n. 38.

Art. 3 (Riconoscimento di corsi effettuati fuori Provincia)

(1) Al fine dell'iscrizione nell'elenco provinciale degli esperti della sicurezza sono riconosciuti i seguenti corsi regolarmente e proficuamente frequentati:

  • a)  corsi completi per esperti della sicurezza del "Bayerisches Landesinstitut für Arbeitsschutz" di Monaco di Baviera;
  • b)  corsi completi per esperti della sicurezza delle "Berufsgenossenschaften" in Germania;
  • c)  corsi sulla prevenzione degli infortuni e l' igiene del lavoro organizzati dal "Centro Sicurezza Applicata all'Organizzazione" (CSAO), presso l'Istituto Elettrotecnico Nazionale "Galileo Ferraris" di Torino, per una durata complessiva non minore di centoventi ore di lezione. I corsi di durata minore contribuiscono all'ammontare complessivo, se sommati ad altri corsi riconosciuti:
  • d)  corsi sulla prevenzione degli infortuni e l' igiene del lavoro organizzati dal "Centro Italiano di Direzione Aziendale" (CEIDA), in Roma, per una durata complessiva non minore di centoventi ore di lezione. I corsi di durata minore contribuiscono all'ammontare complessivo, se sommati ad altri corsi riconosciuti;
  • e)  corsi sulla sicurezza e l' igiene del lavoro organizzati dall' "Allgemeine Unfallversicherungsanstalt" (AUVA) in Austria, per una durata complessiva non minore di centoventi ore di lezione. I corsi di durata minore contribuiscono all'ammontare complessivo, se sommati ad altri corsi riconosciuti.

(2) Per il riconoscimento di corsi non elencati al comma 1, l'aspirante all'iscrizione nell'elenco provinciale degli esperti della sicurezza deve presentare gli attestati di regolare e proficua frequenza, corredati dai programmi dettagliati, ai fini della loro valutazione da parte della commissione provinciale di cui all'articolo 22, comma 2, della legge.

(3) Coloro che hanno frequentato corsi ritenuti idonei al riconoscimento, da parte della commissione provinciale, di cui al comma 2 entro il 31 dicembre 1993, con un numero di ore di lezione non minore di sessanta, possono essere iscritti nell'elenco provinciale degli esperti della sicurezza.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionA Mercato del lavoro
ActionActionB Collocamento dei lavoratori
ActionActionC Orientamento professionale
ActionActionD Tutela tecnica del lavoro
ActionActiona) Legge provinciale 27 ottobre 1988, n. 41
ActionActionb) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 24 agosto 1990, n. 19
ActionActionc) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 4 maggio 1992, n. 18
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 2 luglio 1993, n. 13
ActionActione) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 21 luglio 1994, n. 33
ActionActionArt. 1 (Obiettivi per la formazione degli esperti della sicurezza)
ActionActionArt. 2 (Programma dei corsi per esperti della sicurezza)
ActionActionArt. 3 (Riconoscimento di corsi effettuati fuori Provincia)
ActionActionArt. 4 (Esami)
ActionActionArt. 5 (Abrogazioni e modifiche)
ActionActionAllegato A
ActionActionf) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 25 novembre 1994, n. 56
ActionActiong) LEGGE PROVINCIALE 15 maggio 1996, n. 9
ActionActionh) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 aprile 1999, n. 16
ActionActioni) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 ottobre 1999, n. 60
ActionActionj) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 13 giugno 2005, n. 25
ActionActionk) Decreto del Presidente della Provincia 2 novembre 2009 , n. 51
ActionActionl) Decreto del Presidente della Provincia 2 marzo 2010 , n. 15
ActionActionm) Decreto del Presidente della Provincia 8 marzo 2012, n. 7
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico