In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

m) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 dicembre 1998, n. 5939
Autorizzazione alla sottoscrizione del contratto concernente modifiche ed integrazioni ai profili professionali del personale provinciale

Omissis.

Contratto collettivo concernente modifiche ed integrazioni ai profili professionali del personale provinciale 1)
(sottoscritto in data 18 dicembre 1998 sulla base della deliberazione della Giunta provinciale 14 dicembre 1998, n. 5939)

Capo I
Disposizioni generali

Art. 1 (Oggetto)

(1) In attesa del contratto intercompartimentale e della conseguente necessaria rielaborazione dei profili professionali, vengono ad essi apportate le modifiche ed integrazioni di cui all'allegato 1 del presente contratto.

Capo II
Norme transitorie

Art. 2 (Norma transitoria per il personale dell'azienda provinciale per la promozione turistica)

(1) Il personale di ruolo dell'azienda provinciale per la promozione turistica appartenente al profilo professionale di collaboratore turistico/collaboratrice turistica che ai sensi dell'articolo 2 della legge provinciale 11 agosto 1998, n. 82), non opta per l'assunzione da parte della società di capitale ivi prevista oppure che successivamente all'opzione per tale società chieda la riassunzione, rimane inquadrato nel profilo professionale di collaboratore turistico/collaboratrice turistica per un biennio a decorrere dall'inizio dei 60 giorni previsti per l'opzione.

(2) Durante tale biennio il personale è adibito a compiti rientranti in altri profili professionali, possibilmente corrispondenti alle qualificazioni possedute, ed ha la possibilità di riqualificarsi ai fini della mobilità verticale oppure orizzontale.

2)

Riportata al n. VIII - A/n.

Art. 3 (Norma transitoria per il profilo professionale di perito agrario/perita agraria)

(1) Il personale che all'entrata in vigore del nuovo ordinamento professionale per periti agrari del 21 febbraio 1991, n. 54, svolgeva presso l'amministrazione provinciale i compiti del profilo professionale di perito agrario/perita agraria e che svolge gli stessi anche all'entrata in vigore del presente contratto, è inquadrato nel nuovo profilo professionale di perito agrario/perita agraria, a prescindere dall'esame di stato oppure iscrizione all'albo professionale.

Art. 4 (Norma transitoria per il profilo professionale di tecnico/a edile)

(1) Ai fini dell'accesso al profilo professionale di tecnico/a edile, i dipendenti assunti a decorrere dall'entrata in vigore del presente contratto devono essere in possesso dell'esame di stato previsto per geometri oppure periti industriali.

(2) Per il personale in servizio si continua ad applicare la normativa in vigore.

Art. 5 (Norma transitoria per il profilo professionale di educatore/trice di istituto)

(1) A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente contratto, il personale in servizio appartenente al profilo professionale di educatore/trice di istituto è inquadrato nella VII qualifica funzionale. In sede di inquadramento a tale personale viene attribuito un trattamento economico per classi e scatti di importo pari o immediatamente superiore a quello in godimento.

(2) Ai sensi dell'articolo 8 del regolamento di esecuzione n. 6/1997 il personale non di ruolo appartenente al profilo professionale di educatore/trice di istituto, assunto sulla base dei requisiti d'accesso previgenti, è ammesso al primo concorso successivo all'entrata in vigore del presente contratto.

Art. 6 (Norma transitoria per il profilo professionale di assistente tecnico/a scolastico/a)

(1) Il personale che all'entrata in vigore del presente contratto risulta essere inquadrato nel profilo professionale di assistente tecnico/a scolastico/a e che prima di tale data abbia espletato, per un periodo di almeno quattro anni in modo continuativo e prevalente presso l'amministrazione provinciale, i compiti del profilo professionale di tecnico/a di laboratorio scolastico, è inquadrato, nel limite del contingente dei posti di tale profilo professionale e previo superamento di apposito esame d'idoneità di contenuto prevalentemente pratico da stabilirsi dalla Giunta provinciale, nel profilo professionale di tecnico/a di laboratorio scolastico, con decorrenza dalla data di entrata in vigore del presente contratto.

(2) All'esame d'idoneità di cui al primo comma è ammesso anche il personale sprovvisto dell'attestato di bilinguismo connesso al diploma di maturità. L'efficacia di detta idoneità è soggetta al conseguimento dell'attestato di bilinguismo entro il biennio a decorrere dalla data dell'indizione dell'esame stesso. L'inquadramento nel profilo di tecnico/a di laboratorio scolastico decorre dalla data di conseguimento dell'attestato di billinguismo previsto.

Art. 7 (Norma transitoria per il personale provinciale insegnante degli istituti per l'educazione musicale)

(1) All'esame di idoneità di cui all'art. 29, comma 5, del decreto del Presidente della giunta provinciale 26 marzo 1997, n. 63), oltre al personale in possesso dei requisiti ivi previsti è ammesso anche il personale provinciale insegnante degli istituti per l'educazione musicale che alla data dell'entrata in vigore della normativa sopraccitata, ancorchè sprovvisto dei requisiti richiesti per l'accesso, sia risultato in servizio per un periodo non inferiore ad anni otto.

3)

Riportato al n. XXIII - C/g.

Art. 8 (Norma transitoria per il personale insegnante delle scuole professionali)

(1) Il personale provinciale di ruolo delle scuole professionali, appartenente al profilo professionale di insegnante, che prima dell'entrata in vigore del presente contratto abbia conseguito una laurea corrispondente ai requisiti d'accesso richiesti per la materia insegnata ascritta anche all'VIII qualifica funzionale, è inquadrato, a decorrere dal 1° settembre 1999, nel profilo professionale di insegnante laureato.

(2) La disciplina di cui al primo comma è applicabile anche nel caso che la Giunta provinciale ascriva entro il 1° settembre 1999 materie di insegnamento della VI qualifica funzionale all'VIII qualifica funzionale. In tale caso la sua applicabilità è estesa anche al personale non di ruolo che per la materia interessata sia in possesso dell'idoneità tuttora valida conseguita in un concorso provinciale, fermo rimanendo la sua posizione non di ruolo.

Allegato 1
Elenco dei profili professionali e la loro ascrizione alle qualifiche funzionnali

II qualifica funzionale

  • 1)  bidello/bidella (modifica)

V qualifica funzionale

  • 1)  assistente agrario e forestale qualificato/assistente agraria e forestale qualificata (nuovo profilo professionale)
  • 2)  governante (nuovo profilo professionale)
  • 3)  agente ed assistente forestale (modifica)
  • 4)  assistente per le aree protette (nuovo profilo professionale)

VI qualifica funzionale

  • 1)  tecnico/tecnica di laboratorio scolastico (modifica)
  • 2)  insegnante (modifica)
  • 3)  esaminatore/esaminatrice per patenti di guida (nuovo profilo professionale)
  • 4)  agrotecnico/agrotecnica (modifica)

VII qualifica funzionale

  • 1)  perito agrario/perita agraria (nuovo profilo professionale)
  • 2)  tecnico edile (modifica)
  • 3)  educatore/educatrice di istituto (modifica)
  • 4)  ispettore/ispettrice d' igiene e dell'ambiente (modifica)

IX qualifica funzionale

  • 1)  tecnologo/tecnologa alimentare (nuovo profilo professionale)

II qualifica funzionale

BIDELLO/BIDELLA (II)

Il bidello/la bidella collabora all'ordinato svolgimento dell'attività scolastica, svolgendo il servizio di vigilanza in conformità alle direttive del capo d'istituto e il servizio di manutenzione e di pulizia, nonché il servizio ausiliario di segreteria in conformità alle direttive del segretario.

1. Compiti

1.1 Servizio di vigilanza

Il bidello/la bidella:

  • -  sorveglia gli alunni in caso di bisogno
  • -  presta servizio di portineria e dà informazioni
  • -  in caso di necessità sbriga il servizio telefonico
  • -  assegna e custodisce le chiavi
  • -  distribuisce e custodisce le chiavi delle aule e di locali speciali

1.2 Servizio di manutenzione

Il bidello/la bidella:

  • -  segnala alla direzione i danni, le carenze e le irregolarità riscontrate nell' edificio scolastico
  • -  consegna agli insegnanti i sussidi didattici richiesti, li riordina, provvede alla loro manutenzione, li fa funzionare durante le lezioni e vi esegue piccole riparazioni
  • -  provvede alla dotazione del materiale di base delle aule
  • -  controlla la quantità dell' olio combustibile e provvede al rifornimento, controlla - a seguito del conseguimento dell'attestato di conduttore di caldaia - la sala caldaie e l'impianto di riscaldamento

1.3 Servizio di pulizia

Il bidello/la bidella:

  • -  riordina, controlla e pulisce regolarmente i locali e le superfici della scuola a lui/lei assegnati nonché le relative pertinenze; presta aiuto in caso di grandi lavori di pulizia effettuati nell' edificio scolastico
  • -  provvede allo spostamento dell' arredo scolastico

1.4 Attività ausiliaria di segreteria

Il bidello/la bidella:

  • -  consegna agli alunni ed agli insegnanti le comunicazioni della segreteria
  • -  provvede alle commissioni nell' ambito del centro abitato
  • -  fa fotocopie e altre riproduzioni
  • -  svolge servizi ausiliari in segreteria ed in biblioteca
  • -  tiene i registri necessari

2. Requisiti di accesso

  • -  Licenza elementare

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento in tutti i profili professionali della III e IV qualifica funzionale; per i seguenti profili professionali sono richiesti particolari requisiti d'accesso:

  • -  cantoniere/a specializzato/a - patente di guida C
  • -  autista - patente di guida D o B Cap
  • -  assistente prove materiali - patente di guida C
  • -  gestore/trice di magazzino - patente di guida B
  • -  guardia ittico-venatoria - licenza di porto d' armi da caccia nonché superamento dell'esame di guardia caccia e dell'esame di pesca

Dopo 8 anni di servizio: possibilità di avanzamento in tutti i profili professionali della V qualifica funzionale; per i seguenti profili professionali sono richiesti particolari requisiti d'accesso:

  • -  assistente di portatori di handicap - relativa qualificazione professionale
  • -  tecnico/a delle telecomunicazioni - patente di guida B

V qualifica funzionale

ASSISTENTE AGRARIO E FORESTALE QUALIFICATO/ ASSISTENTE AGRARIA E FORESTALE QUALIFICATA (V)

L'assistente agrario e forestale qualificato/l' assistente agraria e forestale qualificata svolge, nell'ambito della pubblica amministrazione, compiti di carattere tecnico, organizzativo e amministrativo nei settori agricolo, forestale, della tutela dell'ambiente e del paesaggio. Svolge i suddetti compiti autonomamente attenendosi alle istruzioni dei superiori e coordina i collaboratori che gli/le sono stati affidati.

1. Compiti

1.1 Compiti tecnici

L'assistente agrario e forestale/l' assistente agraria e forestale:

  • -  si occupa direttamente, organizza e controlla la corretta esecuzione di lavori qualificati nei settori frutti- e viticoltura, enologia, tecnologia della conservazione della frutta, zootecnia, selvicoltura, orticoltura, colture arative e foraggicoltura, giardinaggio, trasformazione dei prodotti, tutela dell' ambiente e del paesaggio, sperimentazione, sistemazione dei bacini montani e settori analoghi
  • -  effettua inventari, rilevazioni statistiche, calcoli ed elabora i relativi grafici
  • -  collabora all' elaborazione di piani, programmi e progetti, ne organizza e controlla l'esecuzione
  • -  collabora all' organizzazione e allo svolgimento di conferenze, seminari e convegni e, su incarico, tiene personalmente relazioni su temi specifici
  • -  partecipa ai lavori di commissioni tecniche
  • -  presta consulenze
  • -  contribuisce a creare una cultura naturalistica
  • -  vigila sul rispetto delle prescrizioni ufficiali

1.2 Compiti di amministrazione e di segreteria

L'assistente agrario e forestale/l' assistente agraria e forestale:

  • -  controlla domande e fatture
  • -  prepara certificazioni e autorizzazioni
  • -  gestisce schedari e registri, anche con l' ausilio di sistemi EDP
  • -  evade la corrispondenza attinente al suo settore di competenza

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di scuola media inferiore nonché
  • -  diploma di un istituto professionale oppure di un corso di formazione professionale provinciale almeno triennale ad indirizzo agrario o forestale, oppure
  • -  diploma di un istituto professionale oppure di un corso di formazione professionale provinciale biennale ad indirizzo agrario o forestale e tre anni di esperienza professionale nel settore, oppure
  • -  diploma di maestro artigiano fiorista, oppure
  • -  diploma di fine apprendistato quale giardiniere o fiorista e tre anni di esperienza professionale nel settore

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo C

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nel profilo professionale di agrotecnico/agrotecnica. Possibilità di avanzamento nei restanti profili professionali della VI qualifica funzionale, purchè come requisiti d'accesso non siano previsti il diploma di maturità di un istituto tecnico o istituto professionale, oppure specializzazioni postsecondarie

GOVERNANTE (V)

Il/la governante svolge essenzialmente funzioni direttive nella gestione dell'economia domestica di complesse strutture organizzative ed assolve all'occorrenza anche altri compiti qualificati nel settore. Il/la governante svolge tali compiti autonomamente attenendosi alle istruzioni dei superiori e coordina il personale a lui/a lei affidato.

1. Compiti

1.1 Compiti direttivi

Il/la governante:

  • -  organizza e dirige servizi di economia domestica in complesse strutture organizzative oppure parti di essi come i servizi di lavanderia, di pulizia e arredo dei locali, i servizi bar, cucina, mensa, il giardinaggio e la cura delle piante ecc. secondo criteri economici, ecologici, sanitari e sociali
  • -  addestra il personale in servizio nei singoli settori, impartisce i compiti da svolgere e ne segue e controlla l' esecuzione
  • -  dirige o partecipa a riunioni di lavoro
  • -  rispetta le disposizioni di legge relative ai singoli settori di lavoro e vigila sulla loro osservanza

1.2 Compiti di rifornimento

Il/la governante:

  • -  predispone la lista delle vivande tenendo conto di principi dietetico-nutrizionali e, se necessario, prepara i pasti
  • -  determina il fabbisogno di prodotti alimentari, materiali di pulizia e di consumo nonché di beni materiali in generale e provvede al loro acquisto
  • -  controlla le merci arrivate e provvede alla loro corretta conservazione
  • -  fa curare il giardino e le piante, dispone la trasformazione dei prodotti dell' azienda e provvede ad un'opportuna gestione delle scorte
  • -  predispone l' esecuzione di lavori di pulizia e di riassetto
  • -  provvede alla cura e manutenzione degli impianti, degli apparecchi e dei macchinari a lui/lei affidati
  • -  propone eventuali miglioramenti, realizzabili con modifiche all' organizzazione del lavoro o mediante investimenti

1.3 Compiti amministrativi

Il/la governante:

  • -  svolge compiti amministrativi ed evade la corrispondenza che interessano il suo settore di competenza
  • -  tiene schedari e registri, anche con l' ausilio di sistemi EDP

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di scuola media inferiore nonché
  • -  diploma di un istituto professionale oppure di un corso di formazione professionale provinciale almeno triennale nel settore dell' economia domestica, oppure
  • -  diploma di un istituto professionale o di un corso di formazione professionale provinciale biennale nel settore dell' economia domestica e tre anni di esperienza professionale nel settore

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo C

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali della VI qualifica funzionale, purchè come requisiti di accesso non siano previsti il diploma di maturità di un istituto tecnico o istituto professionale, oppure specializzazioni postsecondarie

AGENTE ED ASSISTENTE FORESTALE (V)

Omissis

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di scuola media inferiore nonché
  • -  diploma di fine apprendistato quale falegname, carpentiere in legno, segantino, giardiniere ed esperienza professionale specifica nel rispettivo settore di durata triennale, oppure
  • -  diploma di un corso di formazione o istruzione professionale almeno triennale ad indirizzo agricolo, forestale o di tecnologia del legno, oppure
  • -  assolvimento di un triennio presso una scuola media superiore, oppure
  • -  in alternativa al diploma o all' assolvimento di un triennio, diploma o assolvimento di un biennio ed esperienza professionale attinente triennale, oppure
  • -  in alternativa al triennio di esperienza professionale, abilitazione alle funzioni di guardiacaccia nonché
  • -  assolvimento di un corso di formazione specifica di tipo teorico-pratico della durata di almeno cinque mesi

Omissis

ASSISTENTE PER LE AREE PROTETTE (V)

L'assistente per le aree protette svolge compiti di carattere tecnico, organizzativo ed amministrativo nonché servizi di vigilanza e coadiuva i responsabili delle aree protette. Svolge i suoi compiti autonomamente attenendosi alle istruzioni dei superiori e coordina il personale stagionale di assistenza delle aree protette.

1. Compiti

1.1 Compiti tecnici

L'assistente per le aree protette:

  • -  coadiuva il/la responsabile dell' area protetta nei compiti di pianificazione, raccoglie informazioni e documentazione
  • -  controlla le strutture dell' area protetta, provvede alla collocazione della necessaria segnaletica e alla relativa manutenzione
  • -  segue gli interventi di mantenimento e cura di biotopi e di manutenzione delle opere presenti, nonché i progetti di tutela paesaggistica
  • -  collabora all' elaborazione di piani di lavoro
  • -  esegue schizzi e disegni tecnici
  • -  provvede, in caso di progetti, alla preparazione, alla realizzazione e alla contabilizzazione dei lavori
  • -  contribuisce a creare una cultura naturalistica, presta opera di informazione, educazione e consulenza
  • -  coordina il personale stagionale di assistenza delle aree protette
  • -  organizza esposizioni nonché visite e le guida, su incarico tiene relazioni e effettua proiezioni
  • -  collabora alla realizzazione e alla gestione di centri visitatori per le aree protette, di servizi informazioni e sentieri didattici
  • -  realizza allestimenti e stand espositivi
  • -  segue cantieri nelle aree protette
  • -  collabora alla realizzazione di cartografie e di rilevazioni o le esegue personalmente e provvede al reperimento della documentazione fotografica
  • -  segnala fenomeni e rischi che interessano l' area protetta
  • -  vigila sul rispetto delle disposizioni vigenti nell' area protetta e delle prescrizioni ufficiali in caso di opere e interventi
  • -  gestisce laboratori e magazzini e tiene l' inventario

1.2 Compiti amministrativi

L'assistente per le aree protette

  • -  evade e controlla le domande e le fatture
  • -  redige rapporti sulle attività svolte nonché statistiche
  • -  immette dati negli elaboratori
  • -  tiene la contabilità dei magazzini e controlla la qualità dei materiali
  • -  evade, su incarico, le pratiche amministrative e la corrispondenza specifica del settore

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di scuola media inferiore nonché
  • -  diploma di fine apprendistato quale falegname, carpentiere in legno, segantino oppure giardiniere ed esperienza professionale specifica nel rispettivo settore di durata triennale, oppure
  • -  assolvimento della terza classe di un istituto tecnico agrario, oppure
  • -  diploma di un corso di formazione o istruzione professionale almeno triennale ad indirizzo agricolo, forestale o di tecnologia del legno, oppure
  • -  in alternativa al diploma o assolvimento di un triennio, diploma o assolvimento di un biennio ed esperienza professionale attinente triennale, oppure
  • -  in alternativa al triennio di esperienza professionale, abilitazione alle funzioni di guardia-caccia

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo C

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nel profilo professionale di agrotecnico/agrotecnica.

Possibilità di avanzamento nei restanti profili professionali della VI qualifica funzionale, purchè come requisiti d'accesso non siano previsti il diploma di maturità di un istituto tecnico o istituto professionale, oppure specializzazioni postsecondarie.

VI qualifica funzionale

TECNICO/TECNICA DI LABORATORIO SCOLASTICO (VI)

Il tecnico/la tecnica di laboratorio scolastico opera in scuole secondarie di secondo grado con insegnamento pluriennale nelle materie scientifiche oppure tecniche, attenendosi alle istruzioni dei relativi docenti, prepara ed esegue autonomamente e prevalentemente esperimenti ed esercitazioni pratiche. Il tecnico/la tecnica di laboratorio scolastico segue all'occorrenza gli assistenti tecnici scolastici della scuola.

1. Compiti

Il tecnico/la tecnica di laboratorio scolastico:

  • -  sceglie insieme ai docenti esercitazioni pratiche ed esperimenti adatti, che esegue su loro incarico, durante la lezione
  • -  assiste i docenti nelle lezioni pratiche seguendo gruppi di alunni
  • -  provvede all' osservanza delle norme di sicurezza
  • -  segue, organizza e sorveglia il lavoro dei collaboratori che gli/le sono stati assegnati
  • -  si assume all' occorrenza i compiti del profilo professionale di assistente tecnico/a scolastico/a
  • -  svolge l' attività organizzativa ed amministrativa pertinente al suo settore

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di maturità rilasciato dalle seguenti scuole medie superiori
  • -  liceo scientifico
  • -  istituto tecnico per geometri
  • -  istituto tecnico industriale
  • -  istituto professionale per l' industria e l'artigianato
  • -  istituto tecnico agrario
  • -  istituto tecnico commerciale - indirizzo programmatori oppure
  • -  qualsiasi diploma di maturità o di maestro artigiano nonché
  • -  un diploma di un corso di formazione professionale specifico per il settore di almeno 400 ore di lezione oppure
  • -  un' esperienza professionale almeno biennale in un settore scientifico o tecnico
  • -  un' esperienza almeno biennale di insegnamento nelle materie biologia, chimica o fisica

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo B

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di tecnico/a edile (per i diplomati dell'istituto tecnico per geometri o dell'istituto industriale), ispettore/trice d'igiene e dell'ambiente, programmatore-analista EDP/programmatrice-analista EDP.

Dopo 8 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di insegnante laureato/a (purchè si attesti una frequenza minima di 400 ore ad un corso di formazione pedagogica), ispettore/trice tecnico/a, ispettore/trice in scienze naturali, analista-sistemista EDP.

INSEGNANTE (VI)

Omissis

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di maturità ed esperienza professionale biennale specifica per il settore oppure
  • -  diploma di scuola media inferiore nonché
  • -  diploma di maestro artigiano ed esperienza professionale biennale specifica per il settore oppure
  • -  diploma di fine apprendistato ed esperienza professionale quinquennale specifica per il settore (limitatamente ai mestieri nei quali non può essere conseguito il titolo di maestro artigiano oppure in cui gli esami di maestro artigiano non abbiano avuto luogo negli ultimi cinque anni; nel secondo caso la nomina in ruolo è soggetta al conseguimento del diploma di maestro artigiano) oppure
  • -  diploma di un istituto professionale almeno biennale ed esperienza professionale quinquennale specifica per il settore oppure
  • -  diploma di un corso di addestramento professionale provinciale almeno biennale ed esperienza professionale quinquennale specifica per il settore nonché in ogni caso assolvimento di una formazione pedagogica di almeno 1200 ore di insegnamento oppure, nel caso di insegnamento ai portatori di handicap, specializzazione nel campo della riabilitazione

Omissis

ESAMINATORE PER PATENTI DI GUIDA/ESAMINATRICE PER PATENTI DI GUIDA (VI)

L'esaminatore/esaminatrice per patenti di guida ha il compito di effettuare gli esami e svolge i suoi compiti e coordina, se necessario, l'attività dei collaboratori assegnati al rispettivo settore, prevalentemente attenendosi a direttive generali e/o indicazioni e incarichi concreti stabiliti dalle professionalità superiori.

1. Compiti

1.1 Compiti dell'esaminatore/trice

L'esaminatore/trice per patenti di guida:

  • -  come pubblico ufficiale prende tutte le decisioni di natura tecnica sul posto, operando autonomamente e sotto la propria responsabilità per quanto riguarda il rispetto delle norme di sicurezza stradale
  • -  esegue nell' esercizi delle sue funzioni gli esami teorici e pratici per i candidati delle categorie di patente A e B
  • -  esamina la correttezza nell' applicazione delle norme
  • -  ai sensi dell' articolo 230 C.d.S. può eventualmente tenere appositi corsi tendenti a promuovere la formazione dei giovani in materia di comportamento stradale e della sicurezza del traffico e della circolazione

1.2 Compiti di carattere amministrativo

L'esaminatore/trice per patenti di guida:

  • -  redige verbali alle autorità sanitarie e giudiziarie
  • -  evade la corrispondenza amministrativa, fa consulenza e dà informazioni
  • -  effettua sopralluoghi e controlli e propone i provvedimenti eventualmente necessari
  • -  predispone tutti gli atti rientranti nei compiti del funzionario delegato ed assume le relative funzioni
  • -  redige relazioni ed esprime pareri per le autorità previste dal codice della strada (revisione patente, incidenti ecc.)

1.3 Compiti organizzativi e di coordinamento

L'esaminatore/trice per patenti di guida:

  • -  organizza le procedure di lavoro
  • -  organizza corsi, esami e manifestazioni
  • -  elabora proposte sui metodi e le forme di archiviazione degli atti

1.4 Attività di segreteria

L'esaminatore/trice per patenti di guida:

  • -  redige lettere e relazioni e ne predispone la documentazione di lavoro
  • -  tiene schedari, registri ed elenchi

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di maturità nonché abilitazione professionale ai sensi dell' articolo 332, comma 1, del DL 16 dicembre 1992, n. 495, e successive modifiche ed integrazioni

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo B

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di programmatore-analista EDP/programmatrice-analista EDP, statistico/a, ispettore/trice del lavoro, traduttore/trice

Dopo 8 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di ispettore/trice amministrativo/a, ispettore/trice amministrativo/a per il settore culturale, analista-sistemista EDP, ispettore/trice statistico/a, ispettore/trice contabile, ispettore/trice organizzatore/trice, ispettore/trice traduttore/trice

AGROTECNICO/AGROTECNICA (VI)

L'agrotecnico/agrotecnica si occupa autonomamente, sulla base di indicazioni e direttive generali impartite dalle professionalità superiori, di determinati ambiti di lavoro e coordina gli eventuali collaboratori a lui/lei assegnati per tale attività.

1. Compiti

1.1 Compiti di carattere tecnico

L'agrotecnico/agrotecnica:

  • -  fornisce informazioni e consulenze sui possibili incentivi all' agricoltura
  • -  tratta richieste di contributi e simili e domande di altro genere
  • -  effettua sopralluoghi e fornisce consulenza in merito a questioni di natura tecnico-economica
  • -  redige rapporti di natura tecnico-economica
  • -  effettua controlli fitopatologici e vigila sull' osservanza della normativa del settore
  • -  collabora in qualità di esperto a commissioni tecniche
  • -  tiene conferenze e corsi specialistici e gestisce servizi di consulenza individuale o di gruppo

1.2 Compiti di carattere organizzativo

L'agrotecnico/agrotecnica:

  • -  collabora o dirige assemblee e gruppi di lavoro
  • -  organizza viaggi di studio e conduce visite guidate
  • -  coopera a rilevazioni e censimenti statistici

1.3 Compiti amministrativi

L'agrotecnico/agrotecnica

  • -  evade la corrispondenza tecnica ed amministrativa
  • -  raccoglie e riepiloga dati e informazioni a scadenza periodica e li inoltra alle sedi competenti
  • -  redige circolari

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di maturità conseguito presso un istituto tecnico agrario

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo B

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di ispettore/trice d'igiene e dell'ambiente, programmatore-analista EDP/programmatrice-analista EDP

Dopo 8 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di ispettore/trice in scienze naturali, ispettore/trice organizzatore/trice, analista-sistemista EDP

VII qualifica funzionale

PERITO AGRARIO/PERITA AGRARIA (VII)

Il perito agrario/la perita agraria si assume, sotto la propria responsabilità e sulla base di indicazioni e direttive generali impartite dai superiori, in modo continuativo e preminente i compiti di carattere tecnico di seguito indicati, nel rispetto dei limiti dell'esercizio professionale di perito agrario/perita agraria stabiliti dal vigente ordinamento professionale.

1. Compiti

1.1 compiti di carattere tecnico

Il perito agrario/la perita agraria:

  • -  sorveglia lavori di costruzione e prescrive eventualmente, sotto la propria responsabilità, varianti oppure la demolizione di lavori eseguiti in contrasto con le leggi
  • -  secondo il procedimento contraddittorio determina il canone a carico del concessionario in occasione del rilascio di concessioni
  • -  esegue rilievi topografici, catastali, piano-altimetrici, la divisione dei fondi rustici, delle costruzioni e delle aziende agrarie e zootecniche
  • -  compila il certificato di regolare esecuzione dei lavori
  • -  esegue collaudi tecnico-amministrativi
  • -  procede alla stima di edefici, appartamenti, terreni, infrastrutture, servitù ed immobili in genere
  • -  provvede alla stima di scorte, dei miglioramenti fondiari agrari e zootecnici, delle colture erbacee ed arboree e dei loro prodotti
  • -  esegue le attività tecniche connesse agli accertamenti, alla valutazione ed alla liquidazione degli usi civici
  • -  stima i danni alle colture ed agli immobili
  • -  valuta gli interventi fitosanitari
  • -  esegue sperimentazioni in campo agricolo e agroalimentare
  • -  esegue analisi chimiche sulla frutta, il vino, le foglie, il terreno ed i mangimi ed interpreta i relativi dati ai fini di consulenze e perizie
  • -  determina l' indennità di espropriazioni
  • -  assume la direzione, l' amministrazione e la gestione di aziende agrarie e zootecniche e di aziende di lavorazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti agrari e zootecnici
  • -  assume la progettazione, la direzione ed il collaudo di opere di miglioramento fondiario e di trasformazione di prodotti agrari e relative costruzioni
  • -  provvede alla direzione e manutenzione di parchi ed alla progettazione, direzione e manutenzione di giardini
  • -  redige pareri, perizie e consulenze
  • -  sorveglia l' attività professionale affidata ai liberi professionisti

1.2 Altri compiti

Il perito agrario/la perita agraria:

  • -  collabora o dirige assemble e gruppi di lavoro
  • -  organizza viaggi di studio e conduce visite guidate
  • -  collabora all' elaborazione di direttive tecniche
  • -  evade altri compiti amministrativi ed organizzativi inerenti al proprio profilo professionale

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di maturità dell' istituto tecnico agrario nonché esame di stato oppure iscrizione all'albo professionale

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo B

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di ispettore/trice in scienze naturali, ispettore/trice organizzatore/trice, analista-sistemista EDP

TECNICO EDILE/TECNICA EDILE (VII)

Omissis

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di maturità dell' istituto tecnico industriale o per geometri nonché corrispondente esame di stato

Omissis

EDUCATORE/EDUCATRICE DI ISTITUTO (VII)

L'educatore/educatrice di istituto provvede all'assistenza e all'educazione di bambini, giovani ed adulti durante la loro permanenza in istituti e collegi.

1. Compiti

1.1 Compiti di carattere educativo

L'educatore/educatrice di istituto:

  • -  illustra e discute il regolamento interno con gli ospiti dell' istituto e ne sorveglia l'osservanza
  • -  discute eventuali problemi in colloqui individuali o di gruppo
  • -  elabora e gestisce programmi di lavoro e per il tempo libero
  • -  svolge con singoli ospiti programmi educativi, di sostegno e terapeutici, nonché esercizi
  • -  cura i rapporti con persone o autorità di riferimento degli ospiti

1.2 Compiti di assistenza

L'educatore/educatrice di istituto:

  • -  educa gli ospiti alla regolare igiene personale e verifica la pulizia dei locali di abitazione e soggiorno
  • -  si prende cura dei malati e provvede all' assistenza medica degli stessi
  • -  se necessario, accompagna i giovani
  • -  svolge servizio di sorveglianza e controllo

1.3 Compiti organizzativi e amministrativi

L'educatore/educatrice di istituto:

  • -  assegna le stanze
  • -  tiene lo schedario degli ospiti
  • -  procura il necessario materiale ludico e di consumo
  • -  organizza manifestazioni
  • -  ha cura della riparazione o sostituzione di arredi e attrezzature
  • -  sbriga la corrispondenza amministrativa

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di qualifica sulla formazione postsecondaria almeno triennale nel settore dell' educazione specifica o polivalente

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo B

4. Mobilità verticale

Dopo 4 anni di servizio: possibilità di avanzamento nei profili professionali di consulente all'orientamento-ispettore/trice, pedagogo/pedagoga, insegnante laureato/a, ispettore/trice amministrativo/a per il settore culturale, ispettore/trice organizzatore/trice

ISPETTORE/ISPETTRICE D'IGIENE E DELL'AMBIENTE (VII)

Omissis

2. Requisiti di accesso

  • -  Diploma di qualifica sulla formazione postsecondaria nel settore di durata almeno triennale

Omissis

IX qualifica funzionale

TECNOLOGO/TECNOLOGA ALIMENTARE (IX)

In conformità alle direttive generali delle professionalità superiori il tecnologo/la tecnologa alimentare esercita, sotto la propria responsabilità, prevalentemente funzioni della libera professione di tecnologo alimentare all'interno dell'Amministrazione provinciale, progettando e conducendo secondo criteri scientifici, esperimenti inerenti all'attività agricola e tecnologica, oppure effettuando controlli ed esami fitopatologici, chimici e microbiologici.

1. Compiti

Il tecnologo/la tecnologa alimentare:

  • -  studia, progetta, dirige, sorveglia, conduce e collauda i processi di lavorazione degli alimenti e dei prodotti biologici correlati, ivi compresi i processi di depurazione degli effluenti e di recupero dei sottoprodotti
  • -  studia, progetta, costruisce, sorveglia, conduce e collauda, in collaborazione con altri esperti, impianti di produzione di alimenti
  • -  effettua le analisi dei prodotti alimentari; accerta e controlla la qualità e la quantità di materie prime alimentari, di prodotti finiti, di additivi, di coadiuvanti tecnologici, di semilavorati, di imballaggi e di quant' altro attiene alla produzione e trasformazione di prodotti alimentari; definisce gli standard e i capitolati per i suddetti prodotti
  • -  svolge funzioni peritali, di consulenza e arbitrali
  • -  esegue attività di ricerca e di sviluppo di processi e di prodotti nel campo alimentare
  • -  studia, progetta, dirige, sorveglia, stima e collauda lavori inerenti alla pianificazione della produzione alimentare sotto il profilo territoriale
  • -  studia, progetta, dirige, sorveglia, gestisce, in collaborazione con altri esperti, programmi internazionali di sviluppo agroalimentare, anche in collaborazione con agenzie internazionali e comunitarie
  • -  effettua controlli ed esami fitopatologici, chimici e microbiologici e vigila sull' osservanza delle norme vigenti
  • -  svolge attività di sperimentazione agraria e tecnologica, affronta delicate questioni inerenti all' attività pratica agricola e tecnologica, esegue esperimenti finalizzati alla soluzione di dette problematiche e, in virtù della sua formazione specifica, si incarica della progettazione, conduzione ed esecuzione degli esperimenti secondo criteri scientifici
  • -  svolge il lavoro amministrativo, organizzativo e di pubbliche relazioni inerente al suo profilo professionale

2. Requisiti di accesso

  • -  Laurea in scienze e tecnologie alimentari ed esame di stato

3. Bilinguismo

  • -  Attestato di bilinguismo A
1)

Pubblicato nel B.U. 5 gennaio 1999, N. 1.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionA Struttura dirigenziale
ActionActionB Disposizioni speciali concernenti servizi di settore
ActionActionC Assunzione in servizio e profili professionali
ActionActionD Disposizioni generali sullo stato giuridico dei dipendenti provinciali
ActionActionE Contratti collettivi
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 13 agosto 1990, n. 17
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 aprile 1991, n. 10
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 27 giugno 1991, n. 18
ActionActiond) Contratto collettivo 4 gennaio 1996
ActionActione) Contratto collettivo 18 dicembre 1998
ActionActione) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 17 luglio 1995, n. 3729
ActionActionf) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 4 dicembre 1995, n. 6402
ActionActionf) Contratto collettivo 13 aprile 1999
ActionActiong) Contratto collettivo 23 febbraio 2000
ActionActiong) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 1 aprile 1996, n. 1288
ActionActionh) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 17 giugno 1996, n. 2745
ActionActionh) Contratto collettivo 28 agosto 2001
ActionActioni) Contratto collettivo 25 marzo 2002
ActionActionj) Contratto di comparto4 luglio 2002 
ActionActionj) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 27 marzo 1997, n. 1235
ActionActionk) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 aprile 1998, n. 1547
ActionActionk) Contratto collettivo 3 ottobre 2002
ActionActionl) Contratto collettivo9 dicembre 2002
ActionActionl) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 novembre 1998, n. 5247
ActionActionm) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 dicembre 1998, n. 5939
ActionAction(sottoscritto in data 18 dicembre 1998 sulla base della deliberazione della Giunta provinciale 14 dicembre 1998, n. 5939)
ActionActionm) Contratto collettivo13 marzo 2003
ActionActionn) Contratto collettivo 16 maggio 2003
ActionActionn) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 dicembre 1998, n. 5941
ActionActiono) Testo unicodel 23 aprile 2003 
ActionActiono) CONTRATTO DI COMPARTO 8 maggio 1997
ActionActionp) Contratto collettivo 17 settembre 2003
ActionActionp) CONTRATTO DI COMPARTO 8 maggio 1997
ActionActionq) Contratto di comparto5 novembre 2003
ActionActionr) Contratto collettivo 13 luglio 2004
ActionActionr) CONTRATTO COLLETTIVO 13 aprile 1999
ActionActions) CONTRATTO COLLETTIVO 15 luglio 1999
ActionActions) Contratto collettivo 6 dicembre 2004
ActionActiont) Contratto collettivo 7 aprile 2005 —
ActionActiont) CONTRATTO COLLETTIVO 13 aprile 1999
ActionActionu) CONTRATTO COLLETTIVO 29 luglio 1999
ActionActionu) Contratto collettivo 14 giugno 2005
ActionActionv) Contratto collettivo 4 agosto 2005
ActionActionv) CONTRATTO COLLETTIVO 17 agosto 1999
ActionActionw) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActionw) CONTRATTO COLLETTIVO 17 agosto 1999
ActionActionx) Contratto collettivo 24 ottobre 2005
ActionActionx) CONTRATTO COLLETTIVO 17 agosto 1999
ActionActiony) CONTRATTO COLLETTIVO 17 agosto 1999
ActionActiony) Contratto collettivo8 marzo 2006 
ActionActionz) Contratto collettivo 21 giugno 2006
ActionActionz) CONTRATTO COLLETTIVO 17 agosto 1999
ActionActiona') Contratto collettivo6 ottobre 2006
ActionActionb') Contratto collettivo 5 luglio 2007
ActionActionb') CONTRATTO COLLETTIVO 18 dicembre 1998
ActionActionc') CONTRATTO COLLETTIVO 18 dicembre 1998
ActionActionc') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActiond') CONTRATTO COLLETTIVO 18 dicembre 1998
ActionActiond') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActione') CONTRATTO COLLETTIVO 23 febbraio 2000
ActionActione') Contratto collettivo 8 agosto 2007
ActionActionf') Contratto collettivo 8 ottobre 2007
ActionActiong') CONTRATTO COLLETTIVO 17 maggio 2007
ActionActionh') Contratto collettivo 23 novembre 2007
ActionActionh') CONTRATTO COLLETTIVO 28 agosto 2000
ActionActioni') CONTRATTO COLLETTIVO 28 agosto 2000
ActionActioni') Contratto collettivo12 febbraio 2008
ActionActionj') Contratto collettivo 22 aprile 2008
ActionActionj') CONTRATTO COLLETTIVO 28 agosto 2000
ActionActionk') CONTRATTO COLLETTIVO 28 agosto 2000
ActionActionk') Contratto collettivo 8 ottobre 2008
ActionActionl') Contratto collettivo3 febbraio 2009
ActionActionm') Contratto di comparto11 novembre 2009
ActionActionm') CONTRATTO DI COMPARTO 6 agosto 2001
ActionActionn') CONTRATTO COLLETTIVO 28 agosto 2001
ActionActiono') Contratto collettivo24 novembre 2009
ActionActionp') Accordo24 novembre 2009
ActionActionq') CONTRATTO COLLETTIVO 25 marzo 2002
ActionActiont') CONTRATTO DI COMPARTO 4 luglio 2002
ActionActionw') CONTRATTO COLLETTIVO 9 dicembre 2002
ActionActionb'') CONTRATTO COLLETTIVO 16 maggio 2003
ActionActiond'') CONTRATTO DI COMPARTO 5 novembre 2003
ActionActiong'') CONTRATTO COLLETTIVO 17 settembre 2003
ActionActionh'') CONTRATTO DI COMPARTO 5 novembre 2003
ActionActionl'') CONTRATTO COLLETTIVO 21 dicembre 2004
ActionActionn'') CONTRATTO COLLETTIVO 7 aprile 2005
ActionActionw'') CONTRATTO COLLETTIVO 6 ottobre 2006
ActionActionF Dotazioni organiche e ruoli
ActionActionG Divise di servizio
ActionActionH Cessazione dal servizio e relative provvidenze
ActionActionI Trasferimento di personale di altri enti
ActionActionJ Giunta provinciale
ActionActionK Consiglio provinciale
ActionActionL Procedimento amministrativo
ActionActionM Referendum ed elezione del Consiglio provinciale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico