In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

i) Accordo 22 dicembre 1998 1)
Accordo a livello provinciale per la disciplina dei rapporti con i medici specialisti ambulatoriali (1/1/1998 - 31/12/1998)
1

Visualizza documento intero
1)

Pubblicata nel Suppl. n. 3 al B.U. 16 febbraio 1999, n. 9.

Art. 13 (Doveri e compiti dello specialista)

(1) Lo specialista che presta la propria attività per l'Azienda deve:

  • a)  attenersi alle disposizioni che la Azienda emana per il buon funzionamento dei presidi ed il perseguimento dei fini istituzionali;
  • b)  attenersi alle disposizioni contenute nel presente Accordo;
  • c)  redigere e trasmettere al Comitato zonale di cui all' articolo 10 entro il 15 febbraio di ciascun anno il foglio notizie di cui all'allegato A;
  • d)  osservare l' orario di attività indicato nella lettera di incarico.

(2) Le Aziende provvedono al controllo dell'osservanza dell'orario con gli stessi sistemi di rilevazione della presenza in servizio adottati per i medici dipendenti.

(3) A seguito dell'inosservanza dell'orario sono in ogni caso effettuate delle trattenute mensili sulle competenze dello specialista inadempiente, previa rilevazione contabile, sulla documentazione in possesso dell'Azienda delle ore di lavoro non effettuate.

(4) Poiché l'inosservanza dell'orario è fonte di disservizio, ripetute infrazioni in materia devono essere contestate per iscritto allo specialista da parte dell'Azienda; in caso di recidiva o persistenza l'Azienda deferisce lo specialista al Collegio arbitrale di cui all'articolo l2 per i provvedimenti disciplinari.

(5) Il mancato invio del foglio notizie o infedeli dichiarazioni costituiscono motivo di deferimento dello specialista al Collegio arbitrale di cui all'articolo 12 per i provvedimenti di competenza, anche per iniziativa del Comitato Zonale.

(6) Gli specialisti già in servizio, nel prendere visione presso il luogo di lavoro del presente Accordo, rilasciano esplicita dichiarazione di accettazione dell'Accordo stesso.

(7) Il rifiuto di lasciare la suddetta dichiarazione comporta l'automatica decadenza dall'incarico.

(8) Lo specialista che presta la propria attività per la Azienda deve inoltre assolvere ai seguenti compiti fermo restante il rispetto dei doveri deontologici:

  • a)  assicurare il consulto con il medico di base, previa autorizzazione dell' Azienda;
  • b)  assicurare il consulto specialistico interdisciplinare;
  • c)  rispondere ai quesiti clinici compilando il referto specialistico da inviare al richiedente in busta chiusa;
  • d)  utilizzare i referti degli accertamenti diagnostici effettuati in altri presidi sanitari, compatibilmente con le condizioni cliniche in atto del soggetto, evitando la duplicazione inutile e non necessaria delle prestazioni sanitarie;
  • e)  compilare le proposte motivate di ricovero correlandole degli accertamenti eseguiti o in possesso del paziente;
  • f)  adeguarsi alle disposizioni dell' Azienda in tema di interventi sanitari di preospedalizzazione e di dimissione protetta;
  • g)  prescrivere direttamente accertamenti strumentali e non, di carattere specialistico, evidenziando il dubbio o quesito diagnostico, nonché fornire ogni altro dato utile a qualificare l' indagine e abbreviare il tempo di rilasciare i diagnosi;
  • h)  usare le attrezzature diagnostiche e terapeutiche fornite dalla Azienda comunicando al responsabile del Servizio eventuali avarie;
  • i)  partecipare alle attività di rilevamento epidemiologico con fini preventivi per la preparazione, lo studio e la programmazione delle indagini statistico-sanitarie;
  • l)  informare il medico di base del risultato diagnostico raggiunto, suggerendo eventualmente la terapia;
  • m)  assumere in cura il paziente su proposta del medico curante ovvero direttamente nei casi in cui lo ritenga necessario, dandone motivata comunicazione al curante;
  • n)  redigere, a richiesta degli interessati, certificati prognostici in dipendenza di malattia di propria competenza specialistica diagnosticata nel presidio, ovvero i certificati attestanti la frequenza del presidio specialistico ai fini sanitari;
  • o)  collaborare alle attività di farmacovigilanza pubblica;
  • p)  partecipare alle attività connesse alla realizzazione di progetti-obiettivo e delle azioni programmate;
  • q)  partecipare alla correlazione con i settori della Sanità pubblica specie per quanto concerne gli obiettivi di preospedalizzazione e di dimissione protetta.

(9) Nell'attività di diagnosi e cura, prevenzione e riabilitazione il medico specialista è tenuto alla compilazione dei referti sull'apposito modulario e con apposizione di firma e timbro che rechi anche la qualifica specialistica.

(10) Le proposte di indagini specialistiche e le prescrizioni di specialità farmaceutiche e di galenici da parte dello specialista ambulatoriale avvengono in conformità a quanto previsto in merito dall'Accordo Collettivo con i medici di medicina generale.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionA Servizio sanitario
ActionActionB Medicina preventiva-assistenza sanitaria
ActionActionC Igiene
ActionActionD Piano sanitario provinciale
ActionActionE Salute mentale
ActionActionF Accordi di lavoro
ActionActiona) Accordo 11 dicembre 2007
ActionActiona) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 23 giugno 1997, n. 2834
ActionActionb) Accordo 14 aprile 2008
ActionActionc) Accordo15 settembre 2008
ActionActionc) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 21 luglio 1997, n. 3366
ActionActiond) Contratto collettivo17 febbraio 2009
ActionActione) Accordo5 maggio 2009
ActionActione) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 24 novembre 1997, n. 6151
ActionActionf) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 11 gennaio 1999, n. 5
ActionActiong) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 18 ottobre 1999, n. 4504
ActionActiong) Contratto collettivo22 ottobre 2009
ActionActionh) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 11 agosto 2000, n. 2912
ActionActionh) Accordo 11 dicembre 2007
ActionActioni) Accordo 22 dicembre 1998
ActionActionArea dell'attività specialistica extra-degenza
ActionActionArt. 1   
ActionActionArt. 2 (Incompatibilità)
ActionActionArt. 3 (Massimale orario e limitazioni)
ActionActionArt. 4 (Mobilità)
ActionActionArt. 5 (Riduzione o soppressione dell'orario - Revoca dell'incarico)
ActionActionArt. 6 (Cessazione dall'incarico)
ActionActionArt. 7 (Sospensione dall'incarico)
ActionActionArt. 8 (Conferimento di incarico per turni disponibili)
ActionActionArt. 9 (Modalità per l'attribuzione dei turni disponibili)
ActionActionArt. 10 (Comitato consultivo zonale)
ActionActionArt. 11 (Funzionamento del Comitato zonale di cui all'articolo 10)
ActionActionArt. 12 (Responsabilità convenzionali e violazioni - Collegio arbitrale)
ActionActionArt. 13 (Doveri e compiti dello specialista)
ActionActionArt. 14 (Organizzazione del lavoro)
ActionActionArt. 15   
ActionActionArt. 16 (Prestazioni di attività extra-moenia)
ActionActionArt. 17 (Aggiornamento professionale - Formazione permanente)
ActionActionArt. 18 (Tutela sindacale)
ActionActionArt. 19 (Tutela della salute ed igiene negli ambienti di lavoro)
ActionActionArt. 20 (Diritto all'informazione)
ActionActionArt. 21 (Consultazione tra le parti)
ActionActionArt. 22 (Assenze non retribuite - Mandati elettorali)
ActionActionArt. 23 (Assenza per servizio militare)
ActionActionArt. 24 (Malattia - Gravidanza)
ActionActionArt. 25 (Permesso annuale retribuito - Congedo matrimoniale)
ActionActionArt. 26 (Sostituzioni)
ActionActionArt. 27 (Assicurazione contro i rischi derivanti dagli incarichi)
ActionActionArt. 28 (Compensi)
ActionActionArt. 29 - 36.   
ActionActionArt. 37 (Riscossione delle quote sindacali)
ActionActionArt. 38 (Commissione professionale)
ActionActionArt. 39 (Rapporti tra lo specialista e la dirigenza sanitaria dell'Azienda)
ActionActionArt. 40 (Esercizio del diritto di sciopero - Prestazioni indispensabili e loro modalità di erogazione)
ActionActionArt. 41   
ActionActionNorma finale n. 1
ActionActionNorma finale n. 2
ActionActionNorma finale n. 3
ActionActionNorma finale n. 4
ActionActionNorma finale n. 5   
ActionActionNorma finale n. 6
ActionActionNorma finale n. 7
ActionActionNorma finale n. 8
ActionActionNorma finale n. 9   
ActionActionFoglio notizie
ActionActionPrestazioni particolari
ActionActionj) Accordo 1° agosto 2000
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico