In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 409 del 29.11.2005
Contratti della P.A. - appalti pubblici di servizi - verifica offerte anomale - valutazione costo del lavoro - giustificazioni - prova dell'affidabilità dell'offerta - valutazione rigorosa

Sentenza del 29. Novembre 2005, n. 409; Pres. Demattio, Est. Mosna
In tema di valutazione del costo del lavoro per l'esecuzione di prestazioni di servizi, la stazione appaltante – in sede di verifica delle offerte anomale – è vincolata dalle disposizioni che provengono non solo da una fonte normativa, ma anche da tutte quelle determinazioni cui l'ordinamento attribuisce carattere imperativo, ed in tale contesto vanno annoverati anche i minimi retributivi fissati dai contratti collettivi di lavoro, la cui inderogabilità è sancita da disposizioni normative: ciò in conformità di quanto disposto dall'art. 25 del D.Lgs. 17 marzo 1995 n. 157, recante l'attuazione della direttiva 92/50/CEE sugli appalti pubblici di servizi.
Nel caso in cui l'offerta di un'impresa partecipante ad una gara contenga un costo orario di lavoro inferiore a quello previsto dalla normativa vigente, le giustificazioni relative ad elementi contrastanti con valori minimi fissati da norme cogenti non possono essere prese in considerazione, in quanto precluse dal secondo comma dell'art. 25 del D.Lgs. n. 157/1995, con la conseguenza che l'offerta va inevitabilmente dichiarata inammissibile dall'autorità di gara, non disponendo l'amministrazione di alcun potere discrezionale al riguardo. Un tanto assume particolare rilievo nel settore degli appalti aventi ad oggetto servizi di pulizia, attesa la preponderante incidenza del costo del lavoro. Così (come nella fattispecie) la previsione della durata delle prestazioni inferiore a quella prescritta nel capitolato costituisce una intollerabile lesione delle condizioni della lex specialis, che comporta l'esclusione dell'offerente dalla gara.
Poiché l'aggiudicazione provvisoria di un appalto non è suscettibile di creare posizioni giuridiche qualificate ma solo una mera aspettativa alla conclusione del procedimento, l'amministrazione non è tenuta a dare comunicazione dell'avvio del procedimento volto ad adottare un provvedimento di annullamento o di revoca dell'aggiudicazione provvisoria già disposta, tanto più se questa viene subordinata alla positiva verifica dei chiarimenti e delle giustificazioni richieste in ordine all'attendibilità dell'offerta.
L'art. 30 della direttiva 93/37/CEE non stabilisce alcun limite quantitativo minimo all'ambito della verifica dell'anomalia delle offerte, rimettendo la relativa regolamentazione alla discrezionalità dei legislatori nazionali. In proposito, la Corte di giustizia del Lussemburgo, nella sentenza in data 27 novembre 2001, ha ritenuto che le giustificazioni debbano essere richieste sui punti precisi che abbiano suscitato perplessità da parte dell'amministrazione, venendo quindi ad escludere implicitamente la necessità che l'indagine si estenda a tutte le componenti dell'offerta, in quanto la verifica in contraddittorio deve vertere solo sulle questioni dubbie emerse nel corso dell'esame della proposta economica.
In caso di anomalia delle offerte – considerato che l'interesse primario dell'amministrazione è quello di evitare il rischio che offerte eccessivamente basse possano arrecare gravi danni nel caso di carente e intempestiva esecuzione delle prestazioni da parte dell'offerente – va anche tenuto presente che i proponenti di offerte del genere possono bensì vincere, attraverso la procedura di verifica, la presunzione di poca serietà, restando però logicamente a loro esclusivo carico l'onere della prova in ordine alla affidabilità e serietà dell'offerta. Conseguentemente, la prova dell'affidabilità dell'offerta deve essere particolarmente rigorosa, come rigorosa dev'essere la valutazione delle giustificazioni da parte dell'amministrazione.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 533 del 18.12.2003
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 2 vom 07.01.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 33 del 07.02.2001
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 28 vom 27.01.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 31 del 28.01.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 32 del 28.01.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 39 vom 03.02.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 40 vom 03.02.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 41 vom 03.02.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 42 del 08.02.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 44 vom 08.02.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 45 del 09.02.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 46 del 17.02.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 64 vom 26.02.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 69 del 28.02.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 70 del 28.02.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 74 del 08.03.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza Nr. 76 vom 10.03.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 93 del 14.03.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 96 del 14.03.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 121 del 31.03.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 135 del 15.04.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 140 del 19.04.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 141 del 19.04.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 142 del 19.04.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 143 del 19.04.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 177 vom 21.04.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 159 del 03.05.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 313 del 05.05.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 316 vom 05.05.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 176 del 06.05.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 184 vom 11.05.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 325 del 19.05.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 192 del 24.05.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 197 del 27.05.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 210 vom 06.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 221 del 07.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 224 del 10.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 225 del 10.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 231 del 13.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 233 del 14.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 243 del 20.06.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 245 vom 20.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 257 del 12.07.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 259 vom 12.07.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 260 del 12.07.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 268 del 18.07.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 301 vom 03.08.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 303 del 16.08.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 312 del 05.09.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 329 del 20.09.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 332 del 23.09.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 334 vom 27.09.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 335 del 28.09.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 343 del 12.10.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 366 del 03.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 368 del 04.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 375 del 08.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 376 del 10.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 381 del 11.11.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 402 vom 22.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 404 del 23.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 409 del 29.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 412 del 30.11.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 414 vom 30.11.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 421 del 10.12.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 422 del 13.12.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 440 vom 21.12.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 441 del 21.12.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 444 vom 21.12.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 446 del 21.12.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 450 del 22.12.2005
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 451 vom 22.12.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 462 del 27.12.2005
ActionAction Verfassungsgerichtshof - Urteil Nr. 237 vom 14.06.2005
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 99 del 15.03.2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1989
ActionActionIndice cronologico