In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 300 del 16.10.2000
Appalto di opere pubbliche - relazione del direttore dei lavori per verifica offerte anomale - non occorre stesura bilingue - omessa indicazione del termine e dell'autorità cui è possibile ricorrere - offerte anomale - delega della verifica a soggetto estraneo all'Amministrazione - motivazione per relationem - valutazione complessiva dei prezzi - onere della prova di affidabilità a carico dell'offerente - è valutazione tecnico-discrezionale

Sentenza 16 ottobre 2000, n. 300; Pres. Behmann da Giau - Est. Mosna
 
Nel procedimento di appalto di opere pubbliche, non occorre che la valutazione tecnica del direttore dei lavori per la verifica di offerte anomale richiesta dall'ente appaltante (nella specie, Provincia autonoma di Bolzano), sia redatta congiuntamente nelle lingue italiana e tedesca, trattandosi di documento destinato solamente ad un organo della P.A., documento che non rientra tra le categorie di atti per la redazione dei quali l' art. 4 del D.P.R. 15 luglio 1988 n. 574 prescrive l'uso congiunto delle due lingue.
 
La mancanza nel provvedimento amministrativo delle indicazioni di cui all'art. 3 L. n. 241/90, relative al termine e all'autorità alla quale è possibile ricorrere, non inficia il provvedimento stesso, ma può avere come sola conseguenza la rimessione in termini per errore scusabile.
 
L'art. 9 della L.P. 22 ottobre 1993 n. 17, nel disciplinare il ricorso gerarchico contro atti amministrativi del Presidente della Giunta provinciale e di organi collegiali della Provincia, non prevede che l'Amministrazione indichi l'autorità giurisdizionale a cui è possibile ricorrere avverso il provvedimento, limitandosi unicamente a sancire l'obbligo dell'Amministrazione medesima di indicare, nel provvedimento soggetto a ricorso gerarchico, il termine e l'organo a cui ricorrere;  diversamente dall'art. 3 della L. 241/90, ove, in mancanza di precisazione, è da ritenere che il  generico termine di "autorità a cui è possibile ricorrere” usato dal legislatore, comprenda appunto anche l'autorità giudiziaria.
 
Ben può l'Amministrazione, nella sua discrezionalità, avvalersi di un soggetto estraneo per la valutazione di offerte anomale e fare proprio il parere da questi espresso, sussumendo il medesimo nel provvedimento mediante esplicito richiamo ad esso. In questo caso è da ritenersi sussistente una motivazione ob relationem, non essendo, a tal fine, necessario né che la motivazione cui si fa riferimento venga integralmente riportata, né che l'Amministrazione indichi  le ragioni per le quali la motivazione  richiamata viene condivisa e fatta propria.
 
La valutazione dell'anomalia dell'offerta va riferita al prezzo complessivo e non ad ogni singola posizione, per cui l'accertamento della mancata giustificazione dei prezzi di maggior incidenza è sufficiente a far ritenere anomala l'offerta.
 
Nel corso del procedimento per pubblici appalti, i proponenti di offerte particolarmente basse, che in base a criteri predeterminati si presumono sostanzialmente antieconomiche, e quindi anomale, possono bensì vincere – attraverso la procedura di verifica – la presunzione di poca serietà, restando però a loro carico l'onere della prova in ordine alla affidabilità e serietà dell'offerta: prova che deve essere particolarmente rigorosa, come rigorosa deve essere la valutazione delle giustificazioni da parte dell'Amministrazione. Invero, è comunque interesse primario dell'Amministrazione quello di evitare che un'offerta eccessivamente bassa ponga a rischio l'esatto e tempestivo adempimento delle prestazione da parte dell'offerente, con conseguenti gravi danni per la P.A., danni che possono essere di gran lunga superiori al risparmio perseguito con l'accettazione dell'offerta apparentemente più vantaggiosa.
 
Le operazioni relative al giudizio di verifica di offerte anomale costituiscono valutazioni aventi natura tecnico-discrezionale, attinenti al merito amministrativo e non sono quindi sindacabili dal Giudice amministrativo se non per aspetti di  manifesta irrazionalità e di travisamento dei fatti.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 11 vom 19.01.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 28 vom 10.02.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 28 del 10.02.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 35 del 17.02.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 36 del 17.02.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 42 del 21.02.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 43 del 21.02.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 60 vom 06.03.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 61 del 06.03.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 64 del 13.03.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 66 del 13.03.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 83 del 28.03.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 86 vom 28.03.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 89 del 05.04.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 107 del 14.04.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 114 vom 18.04.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 122 del 28.04.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 139 del 16.05.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 145 del 22.05.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 146 del 22.05.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 150 del 24.05.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 155 del 25.05.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 165 del 31.05.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 166 del 05.06.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 167 del 05.06.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 184 del 19.06.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 185 del 19.06.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 197 del 25.07.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 228 del 03.08.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 230 del 03.08.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 231 del 07.08.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 239 vom 28.08.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 240 vom 28.08.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 243 del 29.08.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 254 del 05.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 257 del 05.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 264 del 18.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 266 del 20.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 267 del 20.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 277 del 30.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 279 del 30.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 280 del 30.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 282 del 30.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 283 del 30.09.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 300 del 16.10.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 304 del 26.10.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 309 vom 26.10.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 315 del 26.10.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 319 del 26.10.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 321 del 30.10.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 325 del 09.11.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 325 vom 09.11.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 329 vom 18.11.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 329 del 18.11.2000
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 330 del 20.11.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 334 vom 06.12.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 335 vom 07.12.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 5 vom 14.01.2000
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 5 vom 14.01.2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1989
ActionActionIndice cronologico