In vigore al

RICERCA:

Aufgrund von Wartungsarbeiten steht der Dienst am 24. Oktober 2019 von 00:00 Uhr bis 02:00 Uhr nicht zur Verfügung.

Il giorno 24 ottobre 2019 il servizio non sará disponibile dalle ore 00:00 alle ore 02:00 per manutenzione.

In vigore al: 11/09/2012

T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 213 del 28.05.1997
Natura del cd. ricorso popolare in materia urbanistica - dipende da chi lo proponeLegittimazione del richiedente concessione edilizia - obbligo di indagine del sindaco

Sentenza 28 maggio 1997, n. 213; Pres. De Gennaro – Est Demattio
 
Il "ricorso" ex art. 37 dell'ordinamento urbanistico provinciale non può essere qualificato come ricorso amministrativo in senso tecnico se ha per oggetto "progettazioni" ed "opere" e quindi atti non qualificabili come atti amministrativi, ma attività materiali.
In tal caso il "ricorso" difetta della tipica caratteristica del ricorso amministrativo che é quella di essere un ricorso di tipo impugnatorio, avente ad oggetto un atto amministrativo, con funzione di un riesame giustiziale: esso, infatti, non sfocia in una decisione, intesa come atto di giudizio su un provvedimento (confermativo, di annullamento o di riforma), ma invece in atti di amministrazione attiva-repressiva quali la sospensione o demolizione di opere, diffide o altri provvedimenti idonei.
Per quanto riguarda il soggetto (per i "ricorsi" che hanno per oggetto provvedimenti e, in particolare, il rilascio di una concessione edilizia) va distinta l'ipotesi in cui i "ricorsi" sono proposti da quisquis e populo nell'esclusivo interesse pubblico da quella in cui essi sono invece proposti da una persona nel perseguimento di un interesse individuale e qualificato di cui é titolare.
Nella prima ipotesi il "ricorso" non può essere qualificato come ricorso amministrativo in senso tecnico, ma esso deve essere qualificato, piuttosto, come denuncia, diretta a sollecitare una decisione giustiziale di annullamento del provvedimento impugnato da parte della Giunta provinciale quale autorità di vigilanza in materia urbanistica. Denuncia, peraltro, sui generis, in quanto caratterizzata da elementi di per sé estranei al suo concetto, quale la previsione di un termine per la sua proposizione e l'obbligo di provvedere da parte dell'Amminstrazione.
Trattasi di una sorta di denuncia formalizzata con l'intento del legislatore provinciale di dare maggiore importanza e maggior peso all'apporto collaborativo di tutti i cittadini alla rigorosa osservanza dell'ordinamento urbanistico provinciale, a prescindere da loro interessi privati.
Nella seconda ipotesi invece il ricorso dev'essere considerato, a tutti gli effetti, come vero e proprio ricorso amministrativo e, precisamente, come ricorso gerarchico improprio. L'interesse qualificato é individuabile – analogamente ai principi elaborati dalla giurisprudenza per il ricorso ex art. 10 L. 6 agosto 1967 n. 765 – nell'elemento dell'insediamento abitativo, intendendosi, con tale espressione, la radicazione stabile in loco degli interessi di vita del soggetto, identificabili nella residenza o domicilio, nonché nella proprietà o possesso di un immobile.
Al rilascio della concessione da parte del sindaco é pregiudiziale la questione della legittimazione del richiedente la concessione, il quale deve poter disporre dell'area aedificanda quale proprietario od ad altro titolo. Seppure il sindaco all'uopo non debba compiere approfondite indagini sui rapporti di diritto privato degli interessati, egli tuttavia é tenuto a verificare in capo al richiedente la posizione di proprietario o di avente la disponibilità dell'area interessata alla costruzione.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 1 vom 20.01.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 25 vom 27.01.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 30 del 29.01.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 50 del 18.02.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 58 del 28.02.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 62 vom 10.03.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 62 del 10.03.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 65 del 10.03.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 66 del 10.03.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 67 vom 10.03.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. del 68 10.03.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 72 del 12.03.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 74 del 19.03.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 93 del 09.04.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 108 del 05.05.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 113 vom 07.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 114 del 08.05.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 116 vom 12.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 117 del 12.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 197 del 20.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 198 del 20.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 203 del 20.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 209 del 28.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 213 del 28.05.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 228 del 04.06.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 229 vom 04.06.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 235 del 10.06.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 249 del 16.06.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 254 del 24.06.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 292 del 21.07.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 295 del 21.07.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 296 vom 21.07.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 300 del 30.07.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 302 del 30.07.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 303 del 30.07.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 304 del 30.07.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 306 del 30.07.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 307 del 31.07.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 308 vom 31.07.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 315 vom 05.08.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 358 del 28.08.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 373 vom 01.09.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 375 del 03.09.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 382 vom 29.09.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 383 vom 29.09.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 385 del 29.09.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 392 del 30.09.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 407 del 08.10.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 460 del 22.10.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 469 del 31.10.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 476 del 06.11.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 489 del 17.11.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 494 del 18.11.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 496 del 18.11.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 499 del 19.11.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 515 del 28.11.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 521 vom 28.11.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Urteil Nr. 542 vom 15.12.1997
ActionAction Verwaltungsgericht Bozen - Beschluß Nr. 8 vom 16.12.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Ordinanza N. 10 del 22.12.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 567 del 22.12.1997
ActionAction T.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 572 del 23.12.1997
ActionAction1996
ActionAction1989
ActionActionIndice cronologico