In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

Delibera N. 2309 del 09.07.2007
Criteri e modalità per promuovere il primo insediamento di giovani agricoltori e revoca della deliberazione della Giunta Provinciale 30 agosto 2004, n. 3032

1)Oggetto del contributo e armonizzazione con norme della CE
I presenti criteri determinano, ai sensi dell'articolo 4, comma 1, lettera r) della Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 e successive modifiche, le disposizioni per la concessione di aiuti per il primo insediamento di giovani agricoltori; ciò avviene in osservanza delle norme dettate dal regolamento (CE) n. 1857 della commissione del 15 dicembre 2006, relativo all'applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti di Stato a favore delle piccole e medie imprese attive nella produzione di prodotti agricoli, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L 358 del 16 dicembre 2006.
 
2) Finalità
L'incentivazione è concessa per favorire l'inserimento dei giovani agricoltori nel mondo agricolo. Ha lo scopo di contribuire allo sviluppo del settore agricolo ed in particolare di contrastare l'emigrazione dal territorio rurale.
 
3) Beneficiari
Beneficiari dell'aiuto sono giovani agricoltori, che assumono per la prima volta la gestione di un'azienda agricola con responsabilità civile e fiscale e che al momento della concessione del contributo non hanno superato i 40 anni d'età.
 
4) Qualifica professionale
L'aiuto è concesso a giovani agricoltori che dimostrino una delle seguenti qualifiche professionali:
 

a)     diploma di laurea in scienze agrarie, forestali o in veterinaria oppure diploma o attestato di una scuola superiore o professionale ad indirizzo agrario conclusa con esito positivo oppure un'altra preparazione professionale equivalente, che corrisponda a tale qualifica e garantisca una conduzione competente dell'azienda agricola; nel caso in cui il giovane agricoltore al momento del primo insediamento non dovesse essere in possesso di tale qualifica, sussiste la possibilità  di comprovarne il conseguimento con esito positivo entro due anni dall'insediamento stesso;

b)     attestazione relativa all'avvenuta partecipazione a corsi di formazione professionale ad indirizzo agrario con una durata minima di 240 ore. I suddetti corsi di formazione devono essere tenuti da scuole statali, da scuole riconosciute dallo Stato o dalla Provincia Autonoma di Bolzano;

c)     un'esperienza lavorativa  di almeno tre anni nel settore agricolo;

d)     i giovani agricoltori che prendono in affitto un'azienda di giardinaggio, devono essere iscritti nell'elenco professionale di categoria.

 
5) Presupposti oggettivi

5.1 Il primo insediamento avviene in seguito a:

5.1.1     Acquisizione della proprietà di un'azienda agricola che costituisca un maso chiuso ai sensi della Legge provinciale del 28 novembre 2001, n. 17;

5.1.2     Acquisizione della proprietà di un'azienda agricola che non costituisca un maso chiuso;

5.1.3     Affitto di terreni agricoli per una durata minima di 10 anni.

5.2     I giovani agricoltori devono presentare un business plan.

5.2.1     Il business plan deve contenere i seguenti elementi:

-descrivere la situazione iniziale dell'azienda agricola;

-menzionare gli elementi cardine e gli obiettivi per lo sviluppo dell'attività dell'azienda relativi ad investimenti, formazione, consulenza ed altre azioni da intraprendere per lo sviluppo delle attività dell'azienda agricola. Il business plan deve prevedere, inoltre, almeno un obiettivo di carattere ambientale, come l'adattamento dell'azienda ad esigenze ambientali, il perfezionamento delle conoscenze di metodi di produzione compatibili con l'ambiente o la partecipazione a corsi di formazione su tematiche che riguardino l'ambiente.

5.2.2     L'osservanza del business plan sarà verificata entro i cinque anni successivi all'accoglimento della domanda di premio.

5.3     L'azienda agricola deve soddisfare i requisiti minimi in materia di tutela dell'ambiente, igiene e protezione degli animali, ai sensi delle disposizioni vigenti.

 
6) Superfici aziendali

6.1       Superficie minima dell'azienda

6.1.1 In caso di acquisizione della proprietà di un'azienda agricola che non costituisca un maso chiuso, vengono stabilite le seguenti superfici minime: 2 ettari di arativo/prato, 1 ettaro di frutteto/vigneto, 0,5 ettari di superficie adibita a giardinaggio e 0,3 ettari di marze; in caso di vivai di piante arboree o viti la produzione annua deve corrispondere ad almeno 15.000 piante arboree oppure a 20.000 innesti di viti.

6.1.2  In caso di affitto di fondi rustici vengono stabilite le seguenti superfici minime affittate: 4 ettari di arativo/prato, 2 ettari di frutteto/vigneto, 0,5 ettari adibiti a giardinaggio oppure 0,3 ettari di marze; in caso di affitto di vivai di piante arboree o viti la produzione annua deve corrispondere ad almeno 15.000 piante arboree oppure 20.000 innesti di viti.

 
6.2      Calcolo delle superfici

6.2.1   Le superfici di alpe che vengono  falciate almeno una volta all'anno, possono essere conteggiate come prato ai fini del calcolo delle superfici; tuttavia il richiedente deve dichiarare l'entità della superficie di alpe falciata.

6.2.2       Per le aziende ad indirizzo misto, che presentano superfici sia di frutteto/vigneto sia di prato e/o arativo, le superfici sono calcolate in rapporto di 1:2 e vengono sommate.

 
7) Ammontare del contributo

7.1   Se il primo insediamento avviene ai sensi del punto 5.1.1, il contributo ammonta:

 

7.1.1  Euro 20.000,00 per aziende con una superficie di almeno 6 ettari di arativo/prato, oppure per aziende con una superficie di almeno 3 ettari di frutteto/vigneto;

7.1.2  Euro 15.000,00 per aziende con una superficie inferiore a 6 ettari di arativo/prato, oppure per aziende con una superficie inferiore a 3 ettari di frutteto/vigneto.

7.2   In caso di primo insediamento  ai sensi del punto 5.1.2 il contributo ammonta:

7.2.1  Euro 15.000,00 per aziende con una superficie di almeno 6 ettari di arativo/prato, oppure per aziende con una superficie di almeno 3 ettari di frutteto/vigneto;

7.2.2  Euro 10.000,00 per aziende con una superficie tra 4 e 6 ettari di arativo/prato, oppure per aziende con una superficie tra 2 e 3 ettari di frutteto/vigneto;

7.2.3  Euro 5.000,00 per aziende con una superficie tra 2 e 4 ettari di arativo/prato, oppure per aziende con una superficie tra 1 e 2 ettari di frutteto/vigneto, oppure  per aziende con una superficie di almeno 0,5 ettari adibita a giardinaggio, oppure per vivai di piante arboree o di viti con una produzione rispettivamente di almeno 15.000 piante arboree e 20.000 innesti di vite, oppure per marze con una superficie minima di 0,3 ettari.

7.3.1   Nel caso in cui il giovane agricoltore possieda una qualificazione professionale ai sensi del punto 4a), il contributo di cui ai punti 7.1 e 7.2 verrà aumentato di Euro 10.000,00.

7.3.2 Nel caso in cui il giovane agricoltore possieda una qualificazione professionale ai sensi del punto 4b), il contributo di cui ai punti 7.1 e 7.2 verrà aumentato di Euro 5.000,00.

7.4.1   In caso di primo insediamento  ai sensi del punto 5.1.3, il contributo ammonta a Euro 12.500, per giovani agricoltori con una qualifica professionale ai sensi del punto 4a).

7.4.2  In caso di primo insediamento  ai sensi del punto 5.1.3, il contributo ammonta a Euro 7.500, per giovani agricoltori con una qualifica professionale ai sensi del punto 4b).

 
8) Tipo dell'incentivazione
Il pagamento dell'incentivazione per il primo insediamento avviene tramite la concessione di un contributo in conto capitale.
 
9) Esclusione dal contributo
Il contributo non è concesso nei seguenti casi:
 

a)     a giovani agricoltori, che assumono un'azienda che precedentemente era stata condotta da un imprenditore agricolo che al momento del trasferimento abbia un'età inferiore ai 50 anni e che abbia già beneficiato del contributo;

b)     quando si tratti di un'azienda agricola senza casa di abitazione e relativi annessi rustici, che nel biennio antecedente il primo insediamento sia stata costituita in seguito al distacco di superfici da un'azienda agricola, il cui proprietario sia parente del richiedente entro il secondo grado;

c)     a giovani agricoltori che si insediano in aziende con superfici frutticole e/o viticole  superiori a 10 ettari o in aziende con più di 80 unità bovine adulte (UBA);

d)     a richiedenti, che prima della presentazione della domanda di contributo per il primo insediamento siano stati proprietari o affittuari di un'azienda agricola che rappresenti un maso chiuso o che abbia una superficie minima di cui al punto 6.1.1.

 
10) Presentazione della domanda
La domanda di concessione del premio deve essere presentata alla ripartizione agricoltura prima della firma del relativo contratto di compravendita, donazione o affitto e in caso di successione ereditaria prima del rilascio oppure della revoca del certificato di successione ereditaria; alla domanda devono essere allegati:

estratto tavolare dell'azienda da rilevare;

documentazione comprovante eventuali variazioni colturali che non risultino dall'elenco dei beni immobili;

fotocopia di un documento di identità valido.

 
Il business plan deve essere presentato prima della liquidazione del premio.
 
Il richiedente deve inoltre documentare con allegati oppure sotto forma di autocertificazioni:
 

a)     che in passato non si è mai insediato in un'azienda agricola di cui al punto 9d) in qualità di proprietario, affittuario o socio;

b)     che si insedia in qualità di capo dell'azienda;

c)     che possiede una qualifica professionale di cui ai punti 4a), 4b) oppure 4c); se il richiedente intende presentare in seguito la dichiarazione riguardante la qualifica professionale di cui al punto 4a) oppure 4b), lo deve specificare per iscritto al momento della consegna della domanda;

d)     che in caso di assunzione di un'azienda da parte di parenti entro il 2° grado essa viene rilevata interamente e che negli ultimi 2 anni non vi sono state divisioni dell'azienda, oppure che in caso di divisione l'azienda viene rilevata con la casa di abitazione e gli annessi rustici.

 
Qualora il richiedente intenda avvalersi del premio per il servizio di consulenza ai sensi del punto 7.5 lo deve dichiarare per iscritto nella domanda e presentare in seguito la documentazione comprovante l'avvenuta consulenza.
 
11) Fase istruttoria
Di modo che gli aiuti possano essere concessi è necessario presentare una copia del contratto registrato o del certificato di successione ereditaria. Inoltre, ad eccezione dei casi di affitto, deve essere presentato il decreto tavolare o l'estratto tavolare intestato a nome del richiedente.
 
12) Obblighi

12.1 Il giovane agricoltore si impegna a condurre l'azienda per un periodo minimo di 10 anni senza ridurne la superficie coltivabile, fatta eccezione per i casi di forza maggiore o per le circostanze eccezionali di cui all'art. 47 del Regolamento (CE) n. 1974/2006, recante disposizioni per l'applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005. I casi di forza maggiore, o le circostanze eccezionali devono essere comunicati per iscritto dal beneficiario, o da un suo avente diritto, all'ufficio competente, entro tre mesi dalla data in cui il beneficiario, o il suo avente diritto, sia in condizione di poterlo fare.

 

12.2 Giovani agricoltori che sono in possesso di una qualifica professionale di cui al punto 4a), sono obbligati di avvalersi, per un periodo di tre anni dal loro insediamento, di servizi di consulenza agricola correlati all'inizio della loro attività.

 

12.3 Il giovane agricoltore si impegna, inoltre, ad adempiere alle direttive di attuazione stabilite dalla Giunta provinciale.

 
13) Controlli
Ai sensi dell'art. 2, comma 3 della legge Provinciale del 22 ottobre 1993, n. 17 e successive modifiche, vengono effettuati annualmente controlli a campione nella misura del 6% degli aiuti concessi.
 
La ripartizione agricoltura per tale scopo può richiedere anche i servizi di altre ripartizioni o di esperti; il controllo ha per oggetto il possesso dei requisiti e  l'osservanza degli impegni sopravvenuti da parte del destinatario del contributo.
 
Le aziende oggetto del controllo vengono scelte casualmente ogni anno. Il sorteggio viene effettuato da una commissione interna composta da tre membri, costituita dal direttore della ripartizione agricoltura, dal direttore dell'ufficio competente o da un loro sostituto e da un collaboratore dell'ufficio competente.
 
Viene compilato un verbale del sorteggio e del relativo risultato.
 
I controlli vengono effettuati in via amministrativa oppure tramite sopralluoghi.
Qualora la sua presenza fosse indispensabile, il controllo in loco è da comunicare al proprietario dell'azienda con almeno 48 ore di anticipo. Viene redatto apposito verbale riguardante l'esito del controllo. Tale documento deve essere sottoscritto dall'impiegato che ha effettuato il controllo.
In caso di irregolarità vengono applicate le sanzioni previste dalle disposizioni vigenti.
 
14) Revoca
Qualora l'avente diritto abbandoni la coltivazione dell'azienda agricola o non rispetti gli impegni assunti prima del decorso del termine di 10 anni dalla concessione del contributo, è obbligato a restituire il contributo comprensivo degli interessi legali, nella misura stabilita dalla deliberazione della Giunta provinciale n. 3202 del 9 settembre 2002.
 
Il contributo comprensivo di interessi al tasso di interesse legale viene revocato anche in caso di dichiarazioni false rilasciate nella domanda o in altri allegati presentati ai fini del ricevimento del contributo.
 
Giovani agricoltori che non si presentino per la verifica del business plan, entro il termine previsto, devono restituire l'intero premio maggiorato degli interessi legali.
 
Giovani agricoltori con una qualifica professionale ai sensi del punto 4a) che non rispettino l'obbligo di partecipare alla consulenza aziendale, devono restituire 5.000,00 Euro di premio maggiorato degli interessi legali.
 
15) Disposizioni generali
La misura trova applicazione anche sulle superfici dei comuni confinanti con la Provincia di Bolzano e appartenenti a uno stato Ce, a condizione che esse appartengano ad un'azienda agricola con sede nella Provincia autonoma di Bolzano.
 
16) Disposizioni transitorie
Se l'insediamento del giovane agricoltore è avvenuto entro il 30 giugno 2007, trovano applicazione i “Criteri e modalità per promuovere il primo insediamento di giovani agricoltori”, approvate con propria delibera 30 agosto 2004, n. 3032.
 
17) Efficacia e applicabilità

17.1     Il presente regime di aiuti diviene efficace dopo che la Commissione ha confermato ai sensi dell'articolo 20 del regolamento n. 1857/2006 il ricevimento della rispettiva sintesi delle informazioni mediante ricevuta contrassegnata da un numero di identificazione.

17.2     Il presente regime di aiuti si applica fino al 31 dicembre 2013.

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction Delibera N. 294 del 05.02.2007
ActionAction Delibera N. 298 del 05.02.2007
ActionAction Delibera N. 433 del 12.02.2007
ActionAction Delibera N. 466 del 19.02.2007
ActionAction Delibera N. 728 del 12.03.2007
ActionAction Delibera N. 921 del 19.03.2007
ActionAction Delibera N. 953 del 26.03.2007
ActionAction Delibera N. 1021 del 26.03.2007
ActionAction Delibera N. 474 del 19.02.2007
ActionAction Delibera N. 1459 del 02.05.2007
ActionAction Delibera N. 1482 del 07.05.2007
ActionAction Delibera N. 1494 del 07.05.2007
ActionAction Delibera N. 1737 del 29.05.2007
ActionAction Delibera N. 1996 del 11.06.2007
ActionAction Delibera N. 1998 del 11.06.2007
ActionAction Delibera N. 2181 del 25.06.2007
ActionAction Delibera N. 2273 del 02.07.2007
ActionAction Delibera N. 2309 del 09.07.2007
ActionAction Delibera N. 2326 del 09.07.2007
ActionAction Delibera N. 2596 del 30.07.2007
ActionAction Delibera N. 2849 del 27.08.2007
ActionAction Delibera N. 1132 del 02.04.2007
ActionAction Delibera N. 2921 del 03.09.2007
ActionAction Delibera N. 2923 del 03.09.2007
ActionAction Delibera N. 3022 del 10.09.2007
ActionAction Delibera N. 3025 del 10.09.2007
ActionAction Delibera N. 3247 del 01.10.2007
ActionAction Delibera N. 3315 del 08.10.2007
ActionAction Delibera N. 3406 del 08.10.2007
ActionAction Delibera N. 3538 del 22.10.2007
ActionAction Delibera N. 3857 del 19.11.2007
ActionAction Delibera N. 3963 del 26.11.2007
ActionAction Delibera N. 4008 del 26.11.2007
ActionAction Delibera 3 dicembre 2007, n. 4120
ActionAction Delibera N. 4150 del 03.12.2007
ActionAction Delibera N. 4415 del 17.12.2007
ActionAction Delibera N. 4483 del 17.12.2007
ActionAction Delibera N. 4546 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 4568 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 4618 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 4739 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 1161 del 10.04.2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico