In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

Delibera 17 febbraio 2003, n. 406
Disciplina dell'autorizzazione e dell'accreditamento delle strutture sanitarie e dei professionisti sanitari. Definizione degli organismi tecnici per l'accreditamento e l'autorizzazione e istituzione dei registri delle strutture autorizzate e accreditate (modificata con delibera n. 1428 del 19.09.2011)

Visualizza documento intero

„Art. 15 (Organismi provinciali preposti alla procedura di accreditamento)

1. E' istituita la Commissione Tecnica per l'Accreditamento (CTA), con compiti consultivi nei confronti della Giunta Provinciale.

La CTA rimane in carica cinque anni ed è composta dai seguenti membri:

- un tecnico esperto in ingegneria clinica ed esperto per gli aspetti strutturali e impiantistici ed edilizia sanitaria,

- un medico esperto di processi per il miglioramento della qualità, che assume le funzioni di presidente

- un infermiere esperto di processi per il miglioramento della qualità.

- un rappresentante dell’Azienda Sanitaria della Provincia Autonoma di Bolzano

Le funzioni di segreteria sono svolte da un/a impiegato/a della Ripartizione provinciale sanità, di qualifica funzionale non inferiore alla sesta.

La CTA:

a) si esprime su eventuali quesiti tecnici e interpretativi relativi all'applicazione dei requisiti,

b) formula la proposta finale per il rilascio, il diniego o l’accreditamento con prescrizioni e relativi tempi di adeguamento nonché per il rinnovo o la revoca dell’accreditamento, sulla base del rapporto di verifica prodotto dal team di valutatori,

c) procede alla verifica dei piani di intervento per l’adeguamento ai requisiti, presentati dalle strutture provvisoriamente accreditate, secondo le procedure previste ed avvalendosi eventualmente anche di consulenti interni o esterni all’amministrazione provinciale.

La CTA si riunisce su richiesta dell’unità operativa “Governo Clinico” (UOGC), di cui al successivo comma 2. Alle riunioni partecipa senza diritto di voto un membro della UOGC.

2. Presso la Ripartizione Sanità della Provincia è istituita l’unità operativa “Governo Clinico” (Accreditamento istituzionale - Qualità - Rischio clinico - Valutazione sanitaria delle tecnologie in sanità) - UOGC.

La UOGC è composta da:

a) un coordinatore,

b) tre collaboratori esperti in materie tecniche e sanitarie,

c) un collaboratore amministrativo.

La UOGC

a) avvalendosi del supporto in base alle rispettive competenze degli uffici e servizi della Ripartizione Sanità della Provincia, programma e supervisiona le attività inerenti il governo clinico,la qualità, la sicurezza dei pazienti e la valutazione clinica delle tecnologie in sanità, secondo modalità e criteri da definire con appositi provvedimenti, linee di indirizzo e linee guida,

b) coordina le attività di verifica del possesso dei requisiti , sulla base del mandato conferito,

c) nomina i team di valutazione e fornisce consulenza e supporto per l’attività istruttoria delle verifiche e la stesura dei rapporti di verifica,

d) contatta eventuali esperti operanti in/o fuori provincia,

e) cura il registro provinciale dei facilitatori e valutatori,

f) propone agli uffici competenti iniziative di formazione ed aggiornamento dei facilitatori/valutatori per l’accreditamento e dei referenti per la qualità, rischio clinico ed HTA,

g) elabora proposte di aggiornamento dei requisiti minimi per l’autorizzazione ed ulteriori per l’accreditamento istituzionale ed internazionale. per promuovere l’implementazione di un sistema integrato per la gestione del miglioramento continuo della qualità, del rischio clinico e della valutazione delle tecnologie in sanità, avvalendosi eventualmente anche di consulenti interni o esterni all’amministrazione provinciale.

3. E’ istituito il registro provinciale dei facilitatori e valutatori presso la UOGC.

I facilitatori sono operatori del settore sanitario, formati e aggiornati con appositi corsi, con il compito di promuovere e attuare i sistemi di qualità nelle proprie realtà.

I valutatori sono facilitatori incaricati dalla azienda sanitaria, su proposta della UOGC, in base a criteri di competenza, professionalità, esperienza e compatibilità, di verificare la rispondenza ai requisiti delle strutture da autorizzare e/o accreditare.

Per l’effettuazione delle verifiche, la UOGC può chiamare a far parte dei team di valutatori anche esperti esterni.“

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2020
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction Delibera N. 43 del 13.01.2003
ActionAction Delibera N. 210 del 27.01.2003
ActionAction Delibera 17 febbraio 2003, n. 406
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2 (Definizioni)
ActionActionArt. 3 (Autorizzazioni)
ActionActionArt. 4 (Domande di autorizzazione)
ActionActionArt. 5 (Istruttoria)
ActionActionArt. 6 (Rilascio delle autorizzazioni)
ActionActionArt. 7 (Vigilanza e controlli)
ActionActionArt. 8 (Accreditamento istituzionale)
ActionActionArt. 9 (Soggetti dell’accreditamento)
ActionActionArt. 10 (Domanda di accreditamento)
ActionActionArt. 11 (Istruttoria)
ActionActionArt. 12 (Provvedimento di accreditamento)
ActionActionArt. 13 (Validità dell’accreditamento)
ActionActionArt. 14 (Verifiche e revoca dell'accreditamento)
ActionAction„Art. 15 (Organismi provinciali preposti alla procedura di accreditamento)
ActionActionArt. 16 (Procedura per la verifica dei requisiti per l'autorizzazione e l'accreditamento)
ActionActionArt. 17 (Registri)
ActionActionArt. 18 (Norme transitorie)
ActionActionAllegato n. 1
ActionActionAllegato n. 2
ActionActionAllegato n. 3
ActionAction Delibera N. 440 del 17.02.2003
ActionAction Delibera N. 574 del 24.02.2003
ActionAction Delibera N. 792 del 17.03.2003
ActionAction Delibera N. 977 del 31.03.2003
ActionAction Delibera N. 1036 del 31.03.2003
ActionAction Delibera N. 1146 del 14.04.2003
ActionAction Delibera N. 1373 del 28.04.2003
ActionAction Delibera N. 1435 del 05.05.2003
ActionAction Delibera 16 giugno 2003, n. 2004
ActionAction Delibera N. 2006 del 16.06.2003
ActionAction Delibera N. 2366 del 14.07.2003
ActionAction Delibera N. 2090 del 23.06.2003
ActionAction Delibera N. 2398 del 14.07.2003
ActionAction Delibera N. 2399 del 14.07.2003
ActionAction Delibera N. 2523 del 21.07.2003
ActionAction Delibera N. 2546 del 28.07.2003
ActionAction Delibera N. 2580 del 28.07.2003
ActionAction Delibera N. 2689 del 12.08.2003
ActionAction Delibera N. 3016 del 01.09.2003
ActionAction Delibera N. 3009 del 01.09.2003
ActionAction Delibera N. 3223 del 22.09.2003
ActionAction Delibera N. 3307 del 29.09.2003
ActionAction Delibera N. 3347 del 29.09.2003
ActionAction Delibera N. 3474 del 06.10.2003
ActionAction Delibera N. 3540 del 13.10.2003
ActionAction Delibera N. 3564 del 13.10.2003
ActionAction Delibera N. 3679 del 20.10.2003
ActionAction Delibera N. 3872 del 04.11.2003
ActionAction Delibera N. 4447 del 09.12.2003
ActionAction Delibera N. 4643 del 15.12.2003
ActionAction Delibera N. 3350 del 29.09.2003
ActionAction Delibera N. 3774 del 27.10.2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico