In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

Delibera N. 747 del 11.03.2002
Schema tipo di convenzione tra le Aziende Sanitarie e gli enti gestori di case di riposo/centri di degenza nonché annullamento della propria delibera n. 6 del 10 gennaio 1994

Allegato A

CONVENZIONE

tra

l'Azienda Sanitaria di ............. con sede in ................, via .................... codice fiscale n. ...................., part. IVA ................., di seguito per brevità denominata Azienda nella persona del suo legale rappresentante e Direttore Generale ......................

e

...................................... (ente privato o pubblico) di ................................... codice fiscale n. ............................... di seguito per brevità denominato Ente, che giusta autorizzazione rilasciata dalla competente autorità, gestisce la Casa di Riposo / Centro di degenza ............................................., di seguito per brevità denominato Centro, nella persona del suo legale rappresentante ......................................., nato a ........................... il ................... e residente a ...................................... Via ........................................,

si conviene quanto segue:

 

Art. 1

1. L'Ente gestisce un Centro con ............ posti letto.
2. Nel Centro sono ospitate le seguenti persone:

persone autosufficienti

persone lievemente non autosufficienti

persone mediamente non autosufficienti

persone gravemente non ausosuffienienti.

 

Art. 2

1. Gli obblighi dell'Azienda, di cui ai successivi articoli, sono limitati agli ospiti del Centro iscritti al Servizio Sanitario Provinciale.
 

Art. 3

1. L'Ente accerta annualmente, entro il 30 settembre, con protocollo assistenziale, ed in base alle modalità di cui al regolamento approvato con DPGP n. 55 del 17.9.2001, il numero degli ospiti lievemente, mediamente e gravemente non autosufficienti del Centro e comunica all'Azienda i rispettivi nominativi. L'Azienda può controllare gli inquadramenti entro 45 giorni dalla data in cui è pervenuta la comunicazione all'Azienda, trascorsi i quali si intendono tacitamente approvati. Per gli ospiti non autosufficienti del centro così accertati l'Azienda si assume già a partire dalla data di inquadramento gli obblighi di cui ai successivi articoli.
 
2. L'Ente si impegna a comunicare all'Azienda, entro 15 giorni dall'ingresso, l'inquadramento di ogni nuovo ospite. L'Azienda può controllare tale inquadramento entro 45 giorni dalla data in cui è pervenuta la comunicazione all'Azienda, trascorsi i quali si intende tacitamente approvato e si assume gli obblighi previsti già a partire dalla data di ammissione dell'ospite al Centro. Nel caso di cui l'Ente non rispetti il termine di cui sopra l'Azienda si assume gli obblighi a partire dalla data di invio della comunicazione.
 
3. Se nel corso dell'anno si verificasse una variazione di fascia degli ospiti del Centro l'Azienda si assume, anche per questi ospiti fin dalla data di inquadramento gli obblighi previsti. L'Azienda può controllare tali inquadramenti entro 45 giorni dalla data in cui è pervenuta la comunicazione all'Azienda, trascorsi i quali si intendono tacitamente approvati.
 
4. L'Ente si impegna altresì a comunicare all'Azienda entro 5 giorni la dimissione – anche temporanea – o il decesso di un ospite non autosufficiente del Centro.
 
5. L'Azienda può altresì controllare durante l'anno gli inquadramenti degli ospiti.
 

Art. 4

1. L'Ente provvede ai servizi generali nonché all'assistenza socio-assistenziale necessaria per il soggiorno ed il mantenimento degli ospiti del Centro.
 
2. La dotazione di personale per l'assolvimento delle funzioni suddette deve corrispondere a quella fissata con DPGP n. 17 del 06.03.1974 nella versione vigente e con DPGP n. 19 del 05.05.1992 nella versione vigente.
 

Art. 5

1. L'Azienda garantisce agli ospiti del Centro l'assistenza infermieristica e riabilitativa tramite personale messo a diposizione dall'Ente o dall'Azienda stessa.
 
2. La dotazione di personale per l'assolvimento delle funzioni suddette devi corrispondere a quella fissata con DPGP n. 17 del 06.03.1974 nella versione vigente e con DPGP n. 19 del 05.05.1992 nella versione vigente.
 
3. L'Azienda garantisce un'adeguata consulenza dietetica e nutrizionale.
 

Art. 6

1. L'assistenza medica agli ospiti del Centro viene garantita dall'Azienda tramite

uno o più medici di medicina generale

medici dipendenti dell'Azienda,

di cui uno si assume la responsabilità sanitaria della struttura.
 

Art. 7

1. L'Azienda mette a disposizione di tutti gli ospiti del Centro i necessari sussidi e materiali sanitari.
 
2. Per tutti gli ospiti non autosufficienti del Centro l'Azienda mette a disposizione anche i medicinali necessari.
 
3. Tutto l'arredamento, compreso quello sanitario, viene fornito dall'Ente.
 

Art. 8

1. Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell'Azienda effettua la vigilanza sanitaria sul Centro a norma delle vigenti leggi.
 

Art. 9

1. Per ogni ospite non autosufficiente del Centro l'Azienda corrispondente all'Ente, per ogni singola giornata di degenza, un contributo alla retta di degenza ai sensi dell'articolo 40ter della legge provinciale n. 77 del 30 ottobre 1973 nella versione vigente.
 
2. La liquidazione dovrà essere effettuata all'Azienda entro 90 giorni dalla notifica del conto mensile da parte dell'Ente.
 

Art. 10

1. Le spese per il personale di cui all'articolo 5, se messo a disposizione dall'Ente, sono a carico dell'Azienda, la quale corrisponde all'Ente per lo stesso acconti mensili in misura pari al 90% della spesa presunta.
 
2. L'eventuale saldo verrà determinato alla fine di ogni esercizio finanziario in base alla documentazione atta a comprovare l'effettiva spesa annuale per detto personale.
 
3. Le spese riguardanti l'assistenza medica sono assunte direttamente dall'Azienda.
 

Art. 11

1. I posti letto del Centro sono riservati ai cittadini residenti nell'ambito territoriale dell'Azienda con precedenza per quelli residenti nel Comune di .............................., rispettivamente nel distretto di ..................... Eccezionalmente possono trovare posto anche persone provenienti da un'altra Azienda della Provincia.
 
2. La decisione finale sull'ammissione di un ospite spetta all'Ente, sentito il medico responsabile e considerato anche le sue condizioni sociali.
 

Art. 12

1. L'Azienda provvede a proprie spese al regolare smaltimento dei rifiuti speciali, prodotti dal Centro. L'Ente provvede all'acquisto dei relativi contenitori.
 
2. L'Ente assicura che i contenitori per i rifiuti speciali da smaltire contengano solo rifiuti speciali.
 
3. L'Azienda può controllare in qualsiasi momento il materiale raccolto nei contenitori per rifiuti speciali da smaltire. L'inosservanza delle disposizioni di cui al comma 2 comporta le seguenti sanzioni: sospensione della gratuità dello smaltimento dei rifiuti per un mese; in caso di ripetuta inosservanza la sospensione avviene per 12 mesi.
 

Art. 13

1. Eventuali controversie che dovessero sorgere nell'applicazione della presente convenzione vengono affidate ad un collegio arbitrale, composto dal Direttore Generale dell'Azienda o suo delegato, da Presidente dell'Ente o suo delegato, nonché da un rappresentante dell'Assessorato competente della Provincia Autonoma di Bolzano, che funge da Presidente.
 
2. Funge da segretario un funzionario della Provincia – Ufficio Distretti Sanitari.
 

Art. 14

1. La presente convenzione ha la durata di anni nove a decorrere dall'01.01.2002 a meno che non venga disdetta da una delle parti con un preavviso di almeno 3 mesi con lettera R.R.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction Delibera N. 120 del 21.01.2002
ActionAction Delibera N. 131 del 21.01.2002
ActionAction Delibera N. 717 del 04.03.2002
ActionAction Delibera N. 747 del 11.03.2002
ActionAction Delibera N. 799 del 11.03.2002
ActionAction Delibera N. 853 del 18.03.2002
ActionAction Delibera N. 1111 del 08.04.2002
ActionAction Delibera N. 1134 del 08.04.2002
ActionAction Delibera N. 1136 del 08.04.2002
ActionAction Delibera N. 1270 del 15.04.2002
ActionAction Delibera N. 1857 del 27.05.2002
ActionAction Delibera N. 1862 del 27.05.2002
ActionAction Delibera N. 1863 del 27.05.2002
ActionAction Delibera N. 2053 del 10.06.2002
ActionAction Delibera N. 2197 del 17.06.2002
ActionAction Delibera N. 2303 del 24.06.2002
ActionAction Delibera N. 2399 del 08.07.2002
ActionAction Delibera N. 2403 del 08.07.2002
ActionAction Delibera N. 2637 del 22.07.2002
ActionAction Delibera 29 luglio 2002, n. 2732
ActionAction Delibera N. 2836 del 13.08.2002
ActionAction Delibera N. 3013 del 26.08.2002
ActionAction Delibera N. 3055 del 26.08.2002
ActionAction Delibera N. 3213 del 09.09.2002
ActionAction Delibera N. 3257 del 09.09.2002
ActionAction Delibera N. 3268 del 16.09.2002
ActionAction Delibera N. 3283 del 16.09.2002
ActionAction Delibera N. 3296 del 16.09.2002
ActionAction Delibera N. 3260 del 16.09.2002
ActionAction Delibera N. 3655 del 14.10.2002
ActionAction Delibera N. 3767 del 21.10.2002
ActionAction Delibera N. 4006 del 04.11.2002
ActionAction Delibera N. 4020 del 04.11.2002
ActionAction Delibera Nr. 4202 vom 18.11.2002
ActionAction Delibera N. 4224 del 18.11.2002
ActionAction Delibera N. 4326 del 25.11.2002
ActionAction Delibera N. 4332 del 25.11.2002
ActionAction Delibera N. 4396 del 25.11.2002
ActionAction Delibera N. 4511 del 02.12.2002
ActionAction Delibera N. 4567 del 09.12.2002
ActionAction Delibera N. 4790 del 16.12.2002
ActionAction Delibera N. 4591 del 09.12.2002
ActionAction Delibera N. 4892 del 23.12.2002
ActionAction Delibera N. 4923 del 23.12.2002
ActionAction Delibera N. 1497 del 23.04.2002
ActionAction Delibera N. 3089 del 02.09.2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico