In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

Delibera N. 2822 del 23.06.1997
Determinazione dei criteri e delle modalità per la concessione di sussidi in caso d'emergenza

Anlage

Criteri e modalità per la concessione di sussidi in caso d'emergenza

 
1) Beneficiari dei contributi
Possono beneficiare dei sussidi in caso di emergenza di cui all'articolo 50 della legge provinciale 21 ottobre 1996, n. 21, in seguito chiamata semplicemente Ordinamento forestale, i comuni, le amministrazioni separate di beni di uso civico, le cooperative, i consorzi e le altre associazioni, oltre che i privati.
La qualifica di proprietario od affittuario di terreni e strutture aventi prevalente carattere agrario o forestale costituisce presupposto al fine di poter beneficiare del sussidio.
Per la concessione di un sussidio non é necessario lo stato di bisogno de beneficario previsto dall'articolo 1 della legge provinciale 29 novembre 1973, n. 83.
 
2) Documentazione
Per poter beneficiare del sussidio devono essere presentati:

-     la domanda di concessione del sussidio da parte del richiedente ovvero del rappresentante legale dell'ente privato o pubblico richiedente, che deve contenere una breve descrizione della situazione esistente prima dell'evento dannoso con l'indicazione del comune e della località ove è avvenuto il fatto, della natura di questo evento dannoso e dei danni arrecati, nonché delle misure, che si intendono adottare per eliminarli;

-     la conferma da parte del sindaco del comune territorialmente competente in merito alla veridicità dei dati contenuti nella domanda ed inerenti la situazione esistente prima dell'evento dannoso, la natura di questo evento dannoso ed i danni arrecati;

-     una copia dell'atto costitutivo e dello statuto, qualora il richiedente sia una persona giuridica privata;

-     una copia del provvedimento di autorizzazione alla presentazione della domanda, qualora questa sia presentata da persone giuridiche private o pubbliche.

 
3) Termine per la presentazione della domanda
La domanda deve essere presentata entro due mesi dalla data in cui è avvenuto il fatto ovvero da quella in cui cessa l'evento dannoso, qualora si tratta di un fenomeno, che dura nel tempo.
 
4) Istruttoria della domanda
La domanda deve essere indirizzata alla Giunta provinciale e presentata presso l'ispettorato forestale territorialmente competente.
In caso di domanda incompleta il direttore dell'ispettorato forestale territorialmente competente sollecita per iscritto la presentazione dei documenti o dati mancanti fissando un termine comunque non superiore a 15 giorni.
Accertata la completezza della domanda e della documentazione allegata, l'ispettorato forestale territorialmente competente esegue mediante un sopralluogo da parte di un funzionario a tal fine incaricato, una verifica tecnica al fine di accertare, se i lavori, per i quali viene chiesto il sussidio, rientrino fra quelli finanziabili ai sensi della predetta normativa e procede alla valutazione tecnica ed economica dell'intervento da realizzare.
I lavori non possono essere comunque iniziati prima della verifica, salvo che siano urgenti ed indifferibili.
Ultimata l'istruttoria l'ispettorato forestale territorialmente competente trasmette la domanda e tutta la documentazione allegata alla direzione della Ripartizione foreste.
 
5) Lavori ammessi a sussidio
Sono ammessi a sussidio ai sensi dell'articolo 50 dell'Ordinamento forestale le iniziative dirette:

a)     all'eliminazione di danni causati da avversità atmosferiche, alluvioni, valanghe e smottamenti di terreni ad infrastrutture di prevalente carattere agrario o forestale realizzate o realizzabili con l'aiuto di leggi di incentivazione agrarie e forestali;

b)     alla tutela dei boschi da infestazioni da insetti e funghi provocate da avversità atmosferiche, alluvioni, valanghe e smottamenti di terreni;

c)     alla prevenzione di danni forestali, che possono essere provocati da avversità atmosferiche, alluvioni, valanghe e smottamenti di terreni.

 
6) Criteri
Nella concessione dei sussidi di segue di norma l'ordine cronologico delle domande presentate, salvo che sulla base degli accertamenti vengano accertate condizioni tali da giustificare diverse priorità. Sono comunque considerate tali l'urgenza e l'indifferibilità dei lavori determinati da obblighi imposti dalla pubblica amministrazione, nonché la condizioni socio-economiche particolarmente gravi del richiedente.
 
7) Percentuali dei sussidi
I sussidi in caso d'urgenza ai sensi dell'articolo 50 dell'Ordinamento forestale, possono raggiungere la misura massima del 70% delle spese riconosciute ammissibili e comunque non possono superare l'importo di lire 30.000.000. Entro tale limite l'ammontare del sussidio viene in ogni caso arrotondato per difetto o per eccesso a seconda della minor differenza alle centomila lire inferiori o superiori.
 
8) Controllo e liquidazione dei sussidi concessi
La liquidazione dei sussidi concessi avviene previo accertamento della regolare esecuzione dei lavori da parte di un funzionario appositamente incaricato.
L'ammontare del sussidio deve essere liquidato in proporzione al lavori effettivamente eseguito ed accertato consentendo un unico acconto proporzionato ai lavori già accertati.