In vigore al

RICERCA:

In vigore al: 11/09/2012

Delibera N. 722 del 04.03.2002
Calendario scolastico per le scuole materne, le scuole a carattere statale e le scuole professionali provinciali in lingua tedesca e ladina per gli anni scolastici 2002/03 - 2009/10

Allegato

Calendario scolastico per le scuole materne, le scuole a carattere statale e le scuole professionali provinciali in lingua tedesca e ladina per gli anni scolastici 2002/03 – 2009/10

 

Articolo 1

Ambito di applicazione

1. Il presente calendario scolastico trova applicazione nelle scuole materne, nei circoli di scuola elementare, negli istituti comprensivi e pluricomprensivi, nelle scuole secondarie di primo e secondo grado e nelle scuole professionali provinciali in lingua tedesca e ladina, di seguito denominate istituzioni scolastiche.
 

Articolo 2

Durata dell'anno scolastico

e periodi di valutazione

1. L'anno scolastico inizia il 01 settembre di ogni anno e finisce il 31 agosto dell'anno seguente.
 
2. Le lezioni iniziano il 10 settembre, qualora tale data sia un lunedì, martedì o mercoledì, altrimenti le lezioni iniziano il lunedì seguente.
 
3. Le lezioni terminano il 16 giugno, se tale giorno cade di giovedì, venerdì o sabato, altrimenti terminano il sabato precedente.
 
4. L'orario obbligatorio annuale complessivo dell'attività didattica è distribuito su almeno trentaquattro settimane di lezione, ferma restando la competenza dell'istituzione scolastica di suddividere l'orario settimanale su cinque o sei giorni.
 
5. Ai fini degli scrutini l'anno scolastico può essere ripartito in due o tre periodi:
a) Quadrimestri:

- dall'inizio delle lezioni fino al 31 gennaio di ogni anno;

- dal 1° febbraio fino al termine delle lezioni.

b) Trimestri:

- dall'inizio delle lezioni fino al 30 novembre di ogni anno;

- dal 1° dicembre fino al 15 marzo di ogni anno;

- dal 16 marzo fino al termine delle lezioni.

 

c) Se nelle scuole professionali provinciali una formazione avviene in più blocchi di teoria, allora la fine di un quadrimestre coincide con la metà del tempo di lezione.

 

Articolo 3

Giorni di vacanza

1. Sono previsti i seguenti giorni di interruzione dell'attività didattica:

- tutte le domeniche

- tutti i giorni festivi previsti dalla legge

- Ognissanti: se cade di

martedì: dal 31 ottobre al 2 novembre

mercoledì: dal 02 al 04 novembre

altrimenti il 02 e 03 novembre

- vacanze natalizie: dal 24 dicembre fino al 06 gennaio incluso dell'anno seguente

- vacanze invernali: da lunedì fino a giovedì incluso nella settimana del mercoledì delle ceneri

- vacanze pasquali: dal giovedì santo fino a lunedì incluso dopo Pasqua.

 
2. Le istituzioni scolastiche, il cui orario settimanale delle lezioni si articola su cinque giorni, possono stabilire fino a cinque, le altre fino a sei giorni di interruzione dell'attività didattica, purché tra la direzione della scuola materna, i Consigli di circolo o di istituto dei circoli di scuola elementare, degli istituti comprensivi e pluricomprensivi e delle scuole secondarie di primo grado del corrispondente bacino di utenza sussista un relativo accordo.
 
3. Se l'accordo non si realizza sono stabiliti i seguenti cinque risp. sei giorni di interruzione dell'attività didattica:
 
a) anno scolastico 2002/03:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 04 novembre 2002

- 23 dicembre 2002

- 07 marzo 2003

- 22 aprile 2003

- 02 e 03 maggio 2003

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 23 dicembre 2002

- 07 e 08 marzo 2003

- 26 aprile 2003

- 02 e 03 maggio 2003

 
b) anno scolastico 2003/04:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 04 novembre 2003

- 22 e 23 dicembre 2003

- 27 febbraio 2004

- 01 giugno 2004

 

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 04 novembre 2003

- 22 e 23 dicembre 2003

- 27 e 28 febbraio 2004

- 01 giugno 2004

 
c) anno scolastico 2004/05:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 06 e 07 dicembre 2004

- 11 febbraio 2005

- 29 marzo 2005

- 03 giugno 2005

 

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 06 e 07 dicembre 2004

- 11 e 12 febbraio 2005

- 03 e 4 giugno 2005

 
d) anno scolastico 2005/06:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 03 e 04 novembre 2005

- 10 febbraio 2006

- 18 aprile 2006

- 24 aprile 2006

 

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 07 gennaio 2006

- 03 e 04 marzo 2006

- 18 aprile 2006

- 24 aprile 2006

- 03 giugno 2006

 
e) anno scolastico 2006/07:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 30 e 31 ottobre 2006

- 23 febbraio 2007

- 10 aprile 2007

- 30 aprile 2007

 

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 03 e 04 novembre 2006

- 09 dicembre 2006

- 23 e 24 febbraio 2007

- 30 aprile 2007

 
f) anno scolastico 2007/08:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 05 novembre 2007

- 01 febbraio 2008

- 08 febbraio 2008

- 25 marzo 2008

- 02 maggio 2008

 

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 08 e 09 febbraio 2008

- 25 marzo 2008

- 26 aprile 2008

- 02 e 03 maggio 2008

 
g) anno scolastico 2008/09:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 04 novembre 2008

- 22 e 23 dicembre 2008

- 27 febbraio 2009

- 14 aprile 2009

 

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 04 novembre 2008

- 22 e 23 dicembre 2008

- 27 e 28 febbraio 2009

- 02 maggio 2009

 
h) anno scolastico 2009/10:
 

orario settimanale diviso su cinque giorni:

- 03 novembre 2009

- 07 dicembre 2009

- 19 febbraio 2010

- 31 maggio e 01 giugno 2010

 

orario settimanale diviso su sei giorni:

- 07 dicembre 2009

- 19 e 20 febbraio 2010

- 06 aprile 2010

- 31 maggio e 01 giugno 2010

 
4. In applicazione dell'articolo 7, comma 3, della legge provinciale 29 giugno 2000, n. 12, il quale prevede che gli adattamenti del calendario scolastico sono stabiliti dal consiglio di circolo o di istituto in relazione alle esigenze derivanti dal piano dell'offerta formativa, nel rispetto delle direttive emanate dalla Giunta provinciale, i Consigli di istituto delle scuole secondarie di secondo grado possono stabilire a propria discrezione, su proposta del Collegio dei docenti, del Comitato degli studenti e del Comitato dei genitori, gli ulteriori giorni di interruzione dell'attività didattica, previsti dal comma 2.
 
5. Nelle scuole professionali provinciali il consiglio di direzione può stabilire a propria discrezione gli ulteriori giorni di interruzione dell'attività didattica, previsti dal comma 1, di cui un giorno è da prevedere come giornata pedagogica per la scuola.
 

Articolo 4

Riduzione dell'orario scolastico

1. L'istituzione scolastica può definire liberamente le attività del primo e dell'ultimo giorno di scuola.
 
2. Nelle scuole secondarie superiori e nelle scuole professionali provinciali in circostanze particolari (alto numero di studenti, bacini interdistrettuali e altro), può essere disposta (non più di due volte nell'anno scolastico) la riduzione dell'orario d'insegnamento per lo svolgimento di udienze con i genitori.
 

Articolo 5

Scuole materne

1. Le scuole materne sono aperte per cinque giorni alla settimana.
2. Per le scuole materne trovano applicazione le disposizioni dell'articolo 2, commi 1, 2, 3, 4, dell'articolo 3, commi 1, 2, 3 e dell'articolo 4, comma 1.
 
3. Il direttore/La direttrice può stabilire un giorno di interruzione dell'attività didattica per particolari attività.
 
4. Nella prima settimana l'orario è limitato alla mattina fino alle ore 12.30.
 
5. Su proposta del consiglio di scuola materna l'orario può essere limitato alla mattina per ulteriori quattro volte all'anno.
 
6. La prima settimana dopo il termine dell'attività didattica il personale è presente a tempo pieno per i lavori conclusivi, per la verifica e la valutazione delle attività didattiche e per eventuali attività di programmazione e di progettazione.
 
7. Al posto dell'ultima settimana di giugno il personale è a disposizione nell'ultima settimana di agosto per attività di aggiornamento, di programmazione e di progettazione.
 

Articolo 6

Scuole professionali provinciali

1. 1. La formazione in aula degli apprendisti che si svolge in una giornata per settimana deve comprendere almeno 32 giorni di lezione. La formazione in aula degli apprendisti che si svolge in forma concentrata in blocchi ha una durata di almeno nove settimane. I blocchi possono essere suddivisi in non più di due periodi.
 
2. Nella formazione degli apprendisti le lezioni possono terminare a causa delle condizioni locali al più tardi il 23 giugno.
 
3. Qualora un corso a tempo pieno prevede un stage di più settimane, la scuola può definire se lo stage ha luogo in uno o più periodi e stabilire l'inizio a propria discrezione.
 
4. Le lezioni alla scuola professionale alberghiera "Kaiserhof” iniziano il 20 settembre, ammesso che non sia un venerdì, altrimenti le lezioni iniziano il lunedì seguente.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction Delibera N. 294 del 05.02.2007
ActionAction Delibera N. 298 del 05.02.2007
ActionAction Delibera N. 433 del 12.02.2007
ActionAction Delibera N. 466 del 19.02.2007
ActionAction Delibera N. 728 del 12.03.2007
ActionAction Delibera N. 921 del 19.03.2007
ActionAction Delibera N. 953 del 26.03.2007
ActionAction Delibera N. 1021 del 26.03.2007
ActionAction Delibera N. 474 del 19.02.2007
ActionAction Delibera N. 1459 del 02.05.2007
ActionAction Delibera N. 1482 del 07.05.2007
ActionAction Delibera N. 1494 del 07.05.2007
ActionAction Delibera N. 1737 del 29.05.2007
ActionAction Delibera N. 1996 del 11.06.2007
ActionAction Delibera N. 1998 del 11.06.2007
ActionAction Delibera N. 2181 del 25.06.2007
ActionAction Delibera N. 2273 del 02.07.2007
ActionAction Delibera N. 2309 del 09.07.2007
ActionAction Delibera N. 2326 del 09.07.2007
ActionAction Delibera N. 2596 del 30.07.2007
ActionAction Delibera N. 2849 del 27.08.2007
ActionAction Delibera N. 1132 del 02.04.2007
ActionAction Delibera N. 2921 del 03.09.2007
ActionAction Delibera N. 2923 del 03.09.2007
ActionAction Delibera N. 3022 del 10.09.2007
ActionAction Delibera N. 3025 del 10.09.2007
ActionAction Delibera N. 3247 del 01.10.2007
ActionAction Delibera N. 3315 del 08.10.2007
ActionAction Delibera N. 3406 del 08.10.2007
ActionAction Delibera N. 3538 del 22.10.2007
ActionAction Delibera N. 3857 del 19.11.2007
ActionAction Delibera N. 3963 del 26.11.2007
ActionAction Delibera N. 4008 del 26.11.2007
ActionAction Delibera 3 dicembre 2007, n. 4120
ActionAction Delibera N. 4150 del 03.12.2007
ActionAction Delibera N. 4415 del 17.12.2007
ActionAction Delibera N. 4483 del 17.12.2007
ActionAction Delibera N. 4546 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 4568 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 4618 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 4739 del 28.12.2007
ActionAction Delibera N. 1161 del 10.04.2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico